Solitudine e Volgarità
La grande maggioranza degli uomini è fatta in modo tale che per loro natura, niente essi possono prendere sul serio che non sia mangiare bere ed accoppiarsi.
Costoro utilizzeranno tutto quanto le nature rare e più nobili hanno prodotto in scienza, arte e religione come strumenti per i loro bassi scopi, servendosene per lo più come una maschera.
La loro attenzione, per non parlare di riflessione, non la dedicano ad alcuna cosa che non abbia almeno un qualche rapporto con la loro persona: fuori di ciò non vi sono cose che risveglino il loro interesse.
Se si considera poi di quanto basso sentire e di quanto assolutamente volgari siano i più, si riuscirà a capire finalmente che non è possibile parlare con loro senza diventare nel contempo volgari noi stessi. (Inevitabilmente essere trascinati nelle loro volgarità).
In questo mondo infatti non si ha più oltre la scelta, tra la Solitudine e la Volgarità.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • La Saggezza della Vita •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
693% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
186% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
135% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯

 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
81% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul “contesto” in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i⋯

 ⋯ L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica
78% ArticoliFilosofiaWalter Benjamin
In linea di principio, l’opera d’arte è sempre stata riproducibile. Una cosa fatta dagli uomini ha sempre potuto essere rifatta da uomini. Simili riproduzioni venivano realizzate dagli allievi per esercitarsi nell’arte, dai maestri per diffondere le opere⋯

 ⋯ Che cos’è l’uomo
77% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯