Egon Schiele ⋯ Self-portrait
Nel campo teoretico lo stolto dogmatismo ha voluto spiegare tutto con rapporti tra gli oggetti, soprattutto con il principio di ragione sufficiente: a un dio faceva fabbricare il mondo, decidere sugli uomini, eccetera. I saggi Indiani partivano dal soggetto, dall’àtman. L’essenziale è che il soggetto ha rappresentazioni, non il collegamento delle rappresentazioni tra loro. Se, basandoci sul metodo degli Indiani, partiamo dal soggetto, ecco di colpo il mondo insieme al principio di ragione sufficiente che domina in esso, non importa quale sia il lato da cui si vuol cominciare a osservarlo. Se partiamo dall’oggetto e costruiamo, come allora è inevitabile, con la calce del principio di ragione sufficiente, pietra su pietra, non possiamo mai trovare le fondamenta su cui poggia l’edificio, né la sommità che deve reggerne la corona. È ugualmente uno stolto nel campo pratico chi crede che le determinazioni essenziali della sua vita, la sua felicità o infelicità debbano venire dall’esterno, dall’oggetto. Solo dall’interno possono venire. L’essenziale non è quali oggetti gli si presentano, ma come egli li considera e come si determina in base a essi.

Crediti
 • Arthur Schopenhauer •
 • SchieleArt • Imagno Self-portrait • 1909 •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
385% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
 ⋯ Supremazia dell’Oggetto
140% FilosofiaJean Baudrillard
Il soggetto non può che desiderare, solo l’oggetto può sedurre. Abbiamo sempre vissuto dello splendore del soggetto, e della miseria dell’oggetto. È il soggetto che fa la storia, è lui che totalizza il mondo. Soggetto individuale o soggetto collettivo, so⋯
PaTaMoRa ⋯ Il velo di MayaIl velo di Maya
131% IdeeUppaluri Krishnamurti
Ogni volta che un pensiero nasce, voi create un’entità, un centro, e quel centro vi serve come riferimento per sperimentare le cose. Se non c’è il pensiero, non è possibile per voi sperimentare nulla, e non potete mettere in relazione nulla con la cosa in⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
114% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Egon Schiele ⋯ Setting SunLe figure esistono solo per l’osservatore
103% Arthur SchopenhauerFilosofiaSchiele Art
Quando le nubi viaggiano, non si curano delle figure che formano, non sono connaturate a esse: la loro natura, la loro essenza come corpi è di seguire l’urto del vento, le figure esistono solo per l’osservatore. Un torrente che precipita in basso sulle pi⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
88% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯