⋯
Nella sua indeterminata immediatezza esso è simile soltanto a se stesso, ed anche non dissimile di fronte ad altro […]. Esso è la pura indeterminatezza ed il puro vuoto – Nell’essere non v’è nulla da intuire, se qui si può parlar di intuire, ovvero esso è questo puro, vuoto intuire se stesso. Così non vi è nemmeno qualcosa da pensare, ovvero l’essere non è, anche qui, che questo vuoto pensare. L’essere, l’indeterminato immediato, nel fatto è nulla, né più né meno che nulla. Lo spazio, entro se stesso, è la contraddizione tra l’esteriorità reciprocamente indifferente e la continuità indifferenziata, tra la pura negatività di se stesso e il passaggio innanzitutto nel tempo. Il tempo, a sua volta, poiché i suoi momenti opposti e tenuti insieme nell’unità rimuovono se stessi immediatamente, è la coincidenza immediata nell’indifferenziazione, nell’esteriorità reciproca indifferenziata, cioè nello spazio. Nello spazio, in tal modo, la determinazione negativa – il punto esclusivo – non è più soltanto in sé secondo il concetto, ma è posto ed è entro sé concreto mediante quella negatività totale che è il tempo […]. Questo trapassare e riprodursi dello spazio nel tempo e del tempo nello spazio – per cui il tempo si pone spazialmente come luogo, mentre questa spazialità indifferente viene posta a sua volta immediatamente temporale – è il movimento.

Crediti
 • Georg W. Friedrich Hegel •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
398% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
179% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Elliott Erwitt ⋯ Il tempo e le sue_nostre concezioni
125% ArticoliFilosofiaTommaso Giordani
Interrogarsi sulla natura del tempo, cercando di darne una spiegazione razionale in rapporto alla storia e, perché no, alla nostra quotidianità, è molto complicato. Sebbene la concezione del tempo sia andata trasformandosi nel corso della storia in modo f⋯
 ⋯ La violenza nella storia
114% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯
 ⋯ Essente nella sua totalità
91% FilosofiaMartin Heidegger
Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla? Ecco la domanda. Non si tratta, presumibilmente, di una domanda qualsiasi. È chiaro che la domanda: “Perché vi è, in generale, l’essente e non il nulla?” è la prima di tutte le domande. Non certo la prim⋯
 ⋯ Filosofia e rivoluzione: il testo, il contesto e la trama
88% ArticoliFilosofiaRaimon Panikkar
“Philosophy and Revolution: the Text, the Context and the Texture” è un articolo che Panikkar ha pubblicato nel luglio del 1973 sulla rivista di studi interculturali «Philosophy East and West», vol. 23, n° 3, pp. 315-322. Mai apparso in traduzione italian⋯