Egon Schiele ⋯
Un eterno sognare colmo dei più dolci eccessi dell’esistenza
irrequieto – con travagli angosciosi, dentro, nell’anima.
Divampa, brucia, si accresce dopo la lotta, – spasimo del cuore.
Ponderare – e folle esuberanza con eccitato piacere.
Impotente è il rovello del pensiero, inutile per giungere all’ispirazione.
Parlo la lingua del creatore e offro.
Demoni! Spezzate la violenza!
La vostra lingua – il vostro segno – il vostro potere.

Crediti
 • Egon Schiele •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
236% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Il potere e l’onore
201% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯
L’essenza del testo
198% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
La scrittura delle donne
182% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
I quattro problemi del “traduttore della lettera”
177% Alberto BramatiArticoli
La traduzione è nella sua essenza plurale etica dell’ascolto. • Antoine Berman • In Occidente la riflessione sulla traduzione si è fin dalle origini caratterizzata per l’opposizione tra il senso e la lettera. Citando Cicerone, Gerolamo (1993, 66) afferma ⋯