Spirito di ricerca sull'esistenza

Vi è tanto in Nietzsche quanto in Dostoevskij una concezione della libertà come di un dinamismo inarrestabile, che vive di continue contraddizioni e destabilizzazioni e che resiste alla cattura di un concetto o di un sistema. In questo senso, si tratta di due autori profondamente antifilosofici, benché animati in realtà dal più profondo e irriducibile spirito di ricerca sull’esistenza.

Sarebbe incongruo pretendere da questi autori una voce univoca, o anche solo filosoficamente omogenea. Significherebbe non rispettare il complesso di chiaroscuri che solo insieme possono costituire un’armonia sui generis e anche una certa coerenza interna del loro pensiero.

Sia per Nietzsche sia per Dostoevskij la libertà è assolutamente antecedente alla distinzione tra bene e male,è una potenza senza direzione prestabilita, ma non priva di un criterio.
La sua più autentica manifestazione è nella scelta dell’affermazione, che presuppone il rifiuto di ciò che è soltanto negazione.
La vita ha una propria direzione, quella della sua espansione e diversificazione, e tutte le vie che invece le si rivoltano contro (il ressentiment, la morale del gregge) sono negazione.

Lo spirito realmente libero vive la propria esperienza lasciando che i propri desideri possano apertamente esprimersi, rivendicando il loro ruolo nell’esistenza concreta.

La dialettica che intendono Nietzsche e Dostoevskij è vita viva, tensione inesauribile che pretende sempre il coraggio di attraversarla e di affermare il proprio Sé e la propria libertà in tutta la sua tragica potenza fino al prossimo movimento.

Come bisogna dire-di-sì di fronte alla mancanza di senso compiuto, invece di trasferire un suo possibile riscatto in utopie più o meno terrene, bisogna sapere sostenere la vita anche di fronte alla possibilità che non si dia una riconciliazione appagante e definitiva.

Crediti
Similari
Egon Schiele ⋯ Woman undressingQualcosa di cui Nietzsche si fa beffe
119% Maria RussoSchiele Art
Non si deve credere all’apparenza di un Nietzsche “determinista” solo per il suo disprezzo per la fantasia rassicurante del “libero arbitrio”: certamente l’idea di una libertà come assenza di causa, come mera casualità e come arbitrio, appunto, senza alcu⋯
⋯  ⋯Sexistenza
76% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
Egon Schiele ⋯ Self-Portrait with Lowered HeadAll’ingresso dell’associazione degli scrittori
62% FrammentiMihail BulgakovSchiele Art
 Una donna pallida e annoiata con i calzini bianchi e un basco bianco sedeva su una sedia di vimini presso l’ingresso della veranda all’angolo, dove tra il verde del pergolato era stata praticata un’apertura d’accesso. Davanti a lei, su un comune tavolo d⋯
 ⋯ Libertà DAL fare
47% FrammentiSalvatore Brizzi
In verità solo la disciplina dona la libertà. La libertà di fare ciò che si vuole quando si vuole non è vera libertà, è schiavitù rispetto al proprio apparato psicofisico e ai suoi mutevoli desideri. La libertà di mangiare un chilo di dolci, fumare due pa⋯
 ⋯ L’anima umana
45% FrammentiVirginia Woolf
Persino quando una digressione rischia di intralciare il racconto, Dostoevskij è incapace di sorvolare su qualcosa di tanto importante e amabile come un uomo o una donna senza fermarsi a considerare il suo caso e a spiegarlo. Così a un certo punto gli sov⋯
 ⋯ Eros & Civiltà
45% Anna Maria TocchettoFrammenti
La cultura implica un senso di misura e di distacco da se stessi e di conseguenza un innalzamento al di sopra di sé verso l’universalità. • Hans Georg Gadamer • Le immagini orfico-narcisistiche sono le immagini del Grande Rifiuto: del rifiuto di accettare⋯