Stabilire un contatto oculare
Il mondo e pieno di possibilità meravigliose, allettanti, promettenti; sarebbe folle perdersene qualcuna legandosi mani e piedi con impegni irrevocabili…
Non sorprende che nella lista delle abilità di vita fondamentali che i giovani sono sollecitati a padroneggiare (e impazienti di farlo), cavalcare l’onda superi di gran lunga concetti sempre più obsoleti come «indagare» e «approfondire».
Come ha osservato Katie Baldo, consulente di orientamento nella Cooperstown Middle School nello stato di New York: gli adolescenti si perdono alcuni importanti segnali sociali perché sono troppo assorbiti dai loro iPod, cellulari o videogiochi. In aula mi accorgo continuamente che non riescono a salutare né a stabilire un contatto oculare.
Entrare in contatto con lo sguardo e ammettere la prossimità fisica di un altro essere umano sono sinonimi di spreco, in quanto equivalgono a dedicare del tempo, scarso e perciò prezioso, ad «approfondire»: decisione che costringerebbe a smettere, o impedirebbe, di cavalcare tante altre superfici invitanti. Nella vita di emergenza continua, le relazioni virtuali hanno facilmente la meglio sulla «roba vera». Il mondo off-line invita i giovani a essere in costante movimento; simili sollecitazioni servirebbero tuttavia a ben poco se non fosse per la capacità, basata sull’elettronica, di moltiplicare gli incontri inter-individuali trasformando ciascuno di essi in un atto rapido, superficiale e «usa e getta». Le relazioni virtuali sono corredate dei tasti «cancella» e «spam» che proteggono dalle conseguenze scomode (e soprattutto dispendiose in termini di tempo) delle interazioni più approfondite.

Crediti
 Zygmunt Bauman
 Capitalismo parassitario
  1763-1828
 SchieleArt •   • 




Quotes per Zygmunt Bauman

La globalizzazione ha raggiunto ormai il punto di non ritorno. Ora dipendiamo tutti gli uni dagli altri, e la sola scelta che abbiamo è tra l'assicurarci reciprocamente la vulnerabilità di ognuno rispetto ad ognuno e l'assicurarci reciprocamente la nostra sicurezza condivisa. Detto brutalmente: nuotare insieme o affogare insieme.

In una società satura di informazioni i titoli servono soprattutto (e molto efficacemente) a cancellare dalla memoria pubblica i titoli del giorno prima.

Entrare in dialogo significa superare la soglia dello specchio, insegnare a imparare ad arricchirsi della diversità dell'altro. A differenza dei seminari accademici, dei dibattiti pubblici o delle chiacchiere partigiane, nel dialogo non ci sono perdenti, ma solo vincitori... il dialogo non è un caffè istantaneo, non dà effetti immediati, perché è pazienza, perseveranza, profondità.  Intervista su Avvenire

L'introspezione è un'attività che sta scomparendo. Sempre più persone, quando si trovano a fronteggiare momenti di solitudine nella propria auto, per strada o alla cassa del supermercato, invece di raccogliere i pensieri controllano se ci sono messaggi sul cellulare per avere qualche brandello di evidenza che dimostri loro che qualcuno, da qualche parte, forse li vuole o ha bisogno di loro.

Quella di imparare l'arte di amare è la promessa (falsa, ingannevole, ma che si spera ardentemente essere vera) di rendere l'esperienza dell'amore» simile ad altre merci.