⋯  ⋯

La guerra, questo mostro che fa uccidere tra loro gli uomini, verrà in ultima istanza eliminata dallo sviluppo della società umana, e ciò in un futuro non lontano. Ma per distruggere la guerra esiste soltanto un mezzo, ed è quello di lottare con la guerra contro la guerra, con la guerra rivoluzionaria contro la guerra controrivoluzionaria, con la guerra nazionale rivoluzionaria contro la guerra nazionale controrivoluzionaria, con la guerra rivoluzionaria di classe contro la guerra controrivoluzionaria di classe… Quando la società umana, nel corso del suo sviluppo, arriverà alla soppressione delle classi, all’abolizione dello Stato, allora non vi saranno più guerre, né controrivoluzionarie, né rivoluzionarie, né ingiuste, né giuste. Sarà l’epoca della pace perpetua per l’umanità. Quando noi studiamo le leggi della guerra rivoluzionaria partiamo da questa nostra aspirazione alla distruzione di tutte le guerre. Qui sta la differenza fra i comunisti e i rappresentanti di tutte le classi sfruttatrici.
Il nostro paese e gli altri paesi socialisti hanno bisogno della pace, e così gli altri popoli del mondo intero. Soltanto certi gruppi monopolistici di qualche paese imperialista, i quali cercano di arricchire per mezzo dell’aggressione, aspirano alla guerra e non vogliono la pace.
Per stabilire nel mondo una pace durevole, dobbiamo continuare a sviluppare la nostra amichevole cooperazione coi paesi fratelli del campo socialista e rafforzare la nostra solidarietà coi paesi che vogliono la pace. Dobbiamo cercare di stabilire con tutti i paesi che desiderano vivere in pace con noi relazioni diplomatiche normali sulla base del reciproco rispetto dell’integrità territoriale e della sovranità, oltre che dell’uguaglianza e dei reciproci vantaggi. Infine, dobbiamo prestare un aiuto attivo ai movimenti nazionali d’indipendenza e di liberazione dei paesi dell’Asia, dell’Africa e dell’America latina, ai movimenti per la pace e alle giuste lotte in tutti i paesi del mondo.

Crediti
 • Mao Tse Tung •
  • Discorso inaugurale dell'VIII congresso del Partito comunista cinese (15 settembre 1956) •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Delcy RodríguezConsiglio Permanente dell’OSA
601% ArticoliDelcy RodríguezPolitica
Sua Eccellenza Delcy Rodríguez Gómez, Segretario Generale dell’OSA, Luis Almagro, vice segretario generale non presente, Illustri Rappresentanti permanenti e supplenti, rappresentanti degli Stati osservatori, invitati speciali, signore e signori. Ministro⋯
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
595% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
 ⋯ XI/XX Tesi di politica
211% Enrique DusselPolitica
 Il referente intersoggettivo dell’ordine politico vigente è quello che abbiamo denominato comunità politica. Al di là dell’individualismo metafisico liberale e al di qua del collettivismo sostanziale del socialismo reale, la comunità indica l’inserzione ⋯
⋯ Kim Il Sung ⋯Consigli di Kim Il Sung ai comunisti occidentali
190% Kim Il SungPolitica
Nel suo colloquio del 26 luglio 1988 con il segretario generale del Partito del lavoro d’Irlanda, il grande leader elargì alcuni importanti consigli ai partiti comunisti occidentali, allora disorientati dallo smantellamento del socialismo in Europa orient⋯
James Gourley ⋯ Two women stroll through Kim Il-sung Square in front of the Grand PeopleSulla lotta rivoluzionaria
188% ArticoliKim Il SungPolitica
In un discorso pronunciato il 18 ottobre 1966 davanti ai funzionari del dipartimento di direzione organizzativa e del dipartimento d’agitazione e propaganda del Comitato centrale del partito, il grande leader narrò alcuni avvenimenti esemplari della sua e⋯
 ⋯ XV/XX Tesi di politica
146% Enrique DusselPolitica
 Il popolo, i suoi movimenti, la leadership che è obbendienziale al popolo, che per anni e anni abbiamo raccolto la morte dei nostri nei campi del Chiapas, Andavano i nostri passi senza meta, soltanto vivevamo e morivamo (Entramos otra vez en la historia.⋯