Senz’altro era quello

Christoffer Relander ⋯
Era impossibile da immaginare, impossibile da non immaginare;
la sua azzurrezza, l’ombra che lasciava, che cadeva,
riempiva l’oscurità del proprio freddo,
il suo freddo che cadeva fuori da se stesso,
fuori da qualsiasi idea di sé descrivesse nel cadere;
un qualcosa, una minuzia,una macchia, ⋯