L’universo uno

⋯  ⋯ Ecco dunque che della divina sustanza, sì per essere infinita, sì per essere lontanissima da quelli effetti che sono l’ultimo termine del corso della nostra discorsiva facultade, non possiamo conoscer nulla se non per modo di vestigio, come dicono i Platonici, di remoto effetto, ⋯