Edmund Husserl

Relatività terminologica

 ⋯ Marta Czok ⋯ Leggere è già problema e quindi “discussione”. La difficoltà proviene dalla relatività terminologica (il variare di significati in funzione dei contesti), poiché il lettore inserisce i termini nella propria tradizione culturale, caricando il testo di problematiche estranee ed impertinenti. La “comprensibilità ⋯

Ermeneutica

 ⋯ Dalla psiche procede assolutamente ogni esperienza umana, e a lei ritornano infine tutte le conoscenze acquisite. Anzi essa non è soltanto l’oggetto della sua scienza, ma ne è anche il soggetto. Questa situazione eccezionale tra tutte le scienze implica da un lato un dubbio ⋯

Fenomenologia della morte

 ⋯
Che cos’è la morte? Annosa questione che nel corso del tempo è stata sollevata innumerevoli volte dall’uomo senza che, per le sue incommensurabili implicazioni, si sia trovata una specifica risoluzione totalmente convincente e soddisfacente ⋯

Il mondo secondo Nietzsche

 ⋯
Il libro di Pavel Kouba, professore di filosofia presso l’Università Carolina di Praga, si dedica allo studio della fenomenologia e all’opera di Husserl e Heidegger; tratta l’impatto del pensiero di Nietzsche nella filosofia moderna, dedicando una speciale attenzione alla sua ricezione da parte dei ⋯

Che cosa è la follia?

 ⋯
Il tema è sconfinato: follia è una parola che i linguisti definirebbero parola valigia marmellata perché ci sta dentro tutto. Temi così complessi non possono essere affrontati con un pensiero sistematico, bensì con un pensiero emozionale, come lo chiamava Leopardi, che consente di cogliere ⋯

L’arte della follia

 ⋯ La follia esercita un fascino particolare sulla cultura e sull’arte rinascimentale.
Intorno a questo tema ruota il poema cavalleresco di Ludovico Ariosto, L’Orlando furioso, in cui si narra del celebre paladino che perde il senno e di Astolfo che per recuperarlo si reca ⋯

La corrente esistenzialista

 ⋯
Dopo la prima guerra mondiale, in Germania e nel resto d’Europa, si diffuse un nuovo clima culturale, permeato dalla critica, alla fede ottimistica nella scienza e nel progresso, che aveva caratterizzato il secolo precedente. Le grandi impalcature del pensiero, come il positivismo, l’idealismo, il ⋯

Introduzione a un’Introduzione

 ⋯ Questa pagina vuole essere unicamente una «Introduzione a un’Introduzione», e non aspirano a fornire un’esauriente discussione dei vari problemi cui si riferiscono. Ci è sembrato utile esporre certi fatti, in una forma che offrisse difficoltà minime al lettore che si accinge ad affrontare uno ⋯

Il non-senso nichilistico

 ⋯
Le scienze sono scritture specifiche della verità, ma la filosofia, «scienza della verità», come dirà Aristotele, non ha e non può avere scrittura. Aspira piuttosto a governarla dal cuore della psychè.
La filosofia, così, è scienza e non è scienza. Lo è in quanto ⋯

Infinità intenzionali

⋯ Umberto Boccioni ⋯ Sii meno curioso della gente, e più curioso delle idee. • Marie Curie • Anche se… Le idee, queste nuove e meravigliose formazioni di senso prodotte da singole persone, nascondono dentro di sé infinità intenzionali. • Edmund Husserl • ⋯

Oggetto della nostra esperienza

István Sándorfi Non abbiamo bisogno di alcuna particolare conoscenza per sapere che il mondo in cui viviamo non è una illusione o un sogno. Proviamo però a spiegare questa credenza che si basa sull’esperienza personale con delle affermazioni che abbiano una validità che vada oltre l’opinione ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi