Gesù Cristo

Da Zarathustra a Khomeini

Da Zarathustra a Khomeini
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occidente. Costui ⋯

Il filantropo

Federico Abuyé ⋯
«Ci sono ancora musei e biblioteche?».
«No. Vogliamo dimenticare il passato, salvo che per comporre elegie. Non ci sono commemorazioni né centenari né immagini di uomini morti. Ciascuno deve creare da solo le scienze e le arti di cui ha bisogno ⋯

Biathanatos

 ⋯
Per il cristiano, la vita e la morte di Cristo sono l’avvenimento centrale della storia del mondo; i secoli precedenti lo preparano, i seguenti lo riflettono. Prima che Adamo fosse formato dalla polvere della terra, prima che nel firmamento fossero separate le acque, il ⋯

Cosa intendo quando dico solo libertà?

The Dhammapada
La libertà può essere di tre tipi, e quei tre tipi devono essere capiti bene. Il primo è la libertà da, il secondo è la libertà per, ed il terzo è soltanto libertà – né da né per. Il primo, libertà da, è una ⋯

Bellezza de la filosofia

Gustave Doré ⋯ La sepoltura di Gesù
[… ] la moralitade è bellezza de la filosofia. ⋯

Voi che ‘ntendendo il terzo ciel movete

Gustave Doré ⋯ Cristo svenuto sotto la croce
Voi che ‘ntendendo il terzo ciel movete,
udite il ragionar ch’è nel mio core,
ch’io nol so dire altrui, sì mi par novo. ⋯

Come è semplice l’universo

Gustave Doré ⋯ Gesù e la donna presi in adulterio
Quando si parla della Divina Commedia o di Dante, bisogna non tanto capire, perché è semplice anche se non è sempre facile. Come è semplice l’universo, la musica di Bach: semplice ma non facilissima. È tutto vero; siamo lì, è come una rosa. ⋯

E come quei che con lena affannata

Gustave Doré ⋯ L'ingresso di Cristo in Gerusalemme
E come quei che con lena affannata
uscito fuor del pelago a la riva
si volge a l’acqua perigliosa e guata,
così l’animo mio, ch’ancor fuggiva,
si volse a retro a rimirar lo passo
che non lasciò già mai persona viva. ⋯

Le dolci rime d’amor ch’i’ solia cercar

Gustave Doré ⋯ Cristo nella sinagoga
Le dolci rime d’amor ch’i’ solia
cercar ne’ miei pensieri,
convien ch’io lasci; non perch’io non speri
ad esse ritornare,
ma perché li atti disdegnosi e feri,
che ne la donna mia
sono appariti, m’han chiusa la via
de l’usato parlare. ⋯

«Figliuol mio,» disse ‘l maestro cortese…

Gustave Doré ⋯ Cristo placando la tempesta
«Figliuol mio,» disse ‘l maestro cortese,
«quelli che muoion nell’ira di Dio
tutti convegno qui d’ogni paese; e pronti sono a trapassar lo rio
chè la divina giustizia li sprona, sì che la tema si volve in disìo.
» ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi