Il mito di Sisifo

L’aspetto delle nostre verità

Oleg Oprisco ⋯
Noi finiamo sempre per avere l’aspetto delle nostre verità.
L’esistenza intera per un uomo distolto dall’eterno non è che una commedia smodata, sotto la maschera dell’assurdo.

Si avrebbe torto a veder qui un simbolo e credere che l’opera d’arte possa essere infine considerata ⋯

Principio razionale e ragionevole

Nicholas Scarpinato ⋯
Non so se il mondo abbia un senso che lo trascenda; ma so che io non conosco questo senso e che, per il momento mi è impossibile conoscerlo. Che valore ha per me un significato al di fuori della mia condizione? Io posso comprendere ⋯

L’uomo è fine a se stesso

⋯ Felice Casorati ⋯
Sì, l’uomo è fine a se stesso. Ed è anche il suo solo fine.
Se vuol essere qualche cosa, deve esserlo in questa vita. Adesso, lo so d’avanzo.
I conquistatori, a volte, parlano di vincere e di superare; ma è sempre “superarsi” ⋯

Il mondo ci sfugge

⋯  ⋯
Ecco l’estraneità: accorgersi che il mondo è denso, intravedere fino a che punto una pietra sia estranea e per noi irriducibile, con quale intensità la natura, un paesaggio possano negarci. Nel fondo di ogni bellezza sta qualche cosa di inumano, ed ecco che ⋯

Viviamo facendo assegnamento sull’avvenire

⋯  ⋯
In alcune situazioni, il rispondere: niente a una domanda circa la natura dei propri pensieri, può essere, nell’uomo, una finta. Lo sanno bene le persone amate. Ma se questa risposta è sincera, se rappresenta quel particolare stato d’animo in cui il vuoto diviene eloquente, ⋯

Cercare ciò che è vero

 ⋯  ⋯ Domando ciò che porta con sé la condizione che riconosco come mia, so che questa implica l’oscurità e l’ignoranza, e mi viene assicurato che tale ignoranza spiega tutto e che codesta notte è la mia luce. Ma non si risponde qui al mio pensiero, ⋯

Problema filosofico veramente serio

Egon Schiele ⋯ The Blind II
Vi è solamente un problema filosofico veramente serio: quello del suicidio.
Giudicare se la vita valga o non valga la pena di essere vissuta, è rispondere al quesito fondamentale della filosofia. Il resto – se il mondo abbia tre dimensioni o se lo spirito ⋯

Regola di una morale

⋯  ⋯
Per mezzo del solo giuoco della coscienza, trasformo in regola di vita ciò che era un invito alla morte e rifiuto il suicidio.
Conosco indubbiamente il sordo rimbombo che si diffonde su tutti i giorni, ma non ho che una parola da dire: che ⋯

Un ragionamento assurdo. Il suicidio filosofico

Egon Schiele ⋯
«Le cose non vengono spiegate da una sola, ma da tutte insieme; nel che non scorgo alcuna differenza»
[…] la fenomenologia si rifiuta di spiegare il mondo, e vuol essere soltanto una descrizione del vissuto. Nella sua affermazione iniziale che non vi ⋯

Questa nostalgia di unità, questa brama di assoluto

Egon Schiele ⋯ Seated female nude, arms and legs crossed Qual è, dunque, quell’imponderabile sensazione che priva lo spirito del sonno necessario alla sua vita? inché lo spirito tace nel mondo immobile delle proprie speranze, tutto si riflette e prende posto nell’unità della sua nostalgia; ma al primo movimento, tale mondo si fende e ⋯

Il costruttore di mondi

 ⋯
Lascio Sisifo ai piedi della montagna! Si ritrova sempre il proprio fardello. Ma Sisifo insegna la fedeltà superiore che nega gli dèi e solleva i macigni. Anch’egli giudica che tutto sia bene. Questo universo, ormai senza padrone, non gli appare sterile né futile. Ogni ⋯

Il problema è sapere come uscirne

Egon Schiele ⋯
La prima e, in fondo, l’unica condizione delle mie ricerche, è preservare proprio ciò che mi schiaccia, rispettare di conseguenza quello che in esso giudico essenziale. Ho così definito l’assurdo un confronto e una lotta senza sosta.
ra, spingendo fino all’estremo questa logica assurda, ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi