La presenza nel suo transitare

Egon Schiele ⋯ Il contatto profondo dell’individuo con la vita eterna sta appunto in ciò: che la presenza incaccellabile e indeclinabile, non sta, non è, nel mentre l’individuo si assegna quelle coordinate in figura che sono i riferimenti spazio-temporali del suo transitare: quinte della scena del nulla, ⋯