Inferno

E qual è quei che volontieri acquista

Gustave Doré ⋯
E qual è quei che volontieri acquista,
e giugne ‘l tempo che perder lo face,
che ‘n tutti suoi pensier piange e s’attrista;
tal mi fece la bestia sanza pace,
che, venendomi ‘ncontro, a poco a poco
mi ripigneva là dove ‘l sol tace. ⋯

E come li stornei ne portan l’ali

Gustave Doré ⋯
E come li stornei ne portan l’ali
nel freddo tempo a schiera larga e piena,
così quel fiato li spiriti mali
di qua, di là, di giù, di su li mena;
nulla speranza li conforta mai,
non che di posa, ma di minor pena. ⋯

Come d’autunno si levan le foglie

Gustave Doré ⋯ Il presepe
Come d’autunno si levan le foglie
l’una appresso de l’altra, fin che ‘l ramo
vede a la terra tutte le sue spoglie,
similmente il mal seme d’Adamo
gittansi di quel lito ad una ad una,
per cenni come augel per suo richiamo. ⋯

Qual è quel cane ch’abbaiando agogna

Gustave Doré ⋯ Eliodoro punito nel tempio
Qual è quel cane ch’abbaiando agogna,
e si racqueta poi che ‘l pasto morde,
ché solo a divorarlo intende e pugna,
cotai si fecer quelle facce lorde
de lo demonio Cerbero, che ‘ntrona
l’anime sì, ch’esser vorrebber sorde. ⋯

Quali dal vento le gonfiate vele

Gustave Doré ⋯ Daniel che confonde i preti di bel
Quali dal vento le gonfiate vele
caggiono avvolte, poi che l’alber fiacca,
tal cadde a terra la fiera crudele. ⋯

Quali colombe, dal disio chiamate

Gustave Doré ⋯ Baruc
Quali colombe, dal disio chiamate,
con l’ali alzate e ferme al dolce nido
vegnon per l’aere, dal voler portate;
cotali uscir de la schiera ov’è Dido,
a noi venendo per l’aere maligno,
sì forte fu l’affettüoso grido. ⋯

Là sovra Cariddi

Gustave Doré ⋯ Ruth e Boaz
Come fa l’onda là sovra Cariddi,
che si frange con quella in cui s’intoppa,
così convien che qui la gente riddi. ⋯

Io venni in luogo d’ogni luce muto

Gustave Doré ⋯ Giuseppe si fa conoscere dai suoi fratelli
Io venni in luogo d’ogni luce muto,
che mugghia come fa mar per tempesta,
se da contrari venti è combattuto. ⋯

Credette ch’io credesse

Gustave Doré ⋯ Elisa e Rebeca
Io credo ch’ei credette ch’io credesse… ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi