Juliette ovvero le prosperità del vizio

Crimine perpetuo

Egon Schiele ⋯
«Vorrei trovare», dice Clairwill, «un crimine il cui effetto agisse perpetuamente, anche quando io non fossi più qui a commetterlo, in modo che non vi sia un solo istante della mia vita in cui, anche mentre dormo, non fossi causa di un qualche disordine, ⋯

Un solo universo

Egon Schiele ⋯ Anche se mi fosse concesso di dar fuoco all’universo, ancora maledirei la natura di non offrirmene che uno solo. ⋯

Non c’è altra vita, Saint-Fond

Tomasz Alen Kopera ⋯ Tale chimera non è garantita se non dall’immaginazione dell’uomo che se l’è creata per il desiderio di sopravvivere a se stesso al fine di godere in seguito di una felicità più durevole e più pura di quella che ha ora. ⋯

Crimine e virtù

Egon Schiele ⋯
È grazie ad una mescolanza assolutamente uguale di ciò che chiamiamo crimine e virtù che le leggi [di natura] si reggono; è grazie alle rovine che rinasce: è grazie ai crimini che sopravvive; in una parola, è grazie alla morte che vive. Un universo ⋯

La cieca schiuma delle creature

 ⋯
Nessun individuo è formato espressamente dalla natura, nessuno è fatto progettualmente da lei, ma tutti sono il risultato delle sue leggi e delle sue azioni, in modo tale che, in un mondo come il nostro, ci devono per forza essere delle creature come quelle ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi