Karl Marx

È stato un filosofo, economista, storico, sociologo e giornalista tedesco. Il suo pensiero, incentrato sulla critica, in chiave materialista, dell’economia, della politica, della società e della cultura capitalistiche, ha dato vita alla corrente socio-politica del marxismo. Teorico della concezione materialistica della storia e, assieme a Friedrich Engels, del socialismo scientifico, è considerato tra i filosofi maggiormente influenti sul piano politico, filosofico ed economico nella storia del Novecento che ha avuto un peso decisivo sulla nascita delle ideologie socialiste e comuniste. Fonte: Le-citazioni.it

Ambivalenza del «logos»

Vàclav Havel e Lou Reed
La parola è un fenomeno misterioso, dai molti significati, ambivalente.
Può essere raggio di luce nell’impero del buio, come ebbe a dire una volta Belinskij dell’Uragano di Ostrovskij, ma può anche essere freccia mortale. Peggio ancora: può essere un momento questa e un momento ⋯

Faccia tosta!

 ⋯ Contrariamente a tutti i filistei neoliberali che sostengono io sia un determinista economico – detto dalle teste di legno che vanno in giro a dire che i mercati sono alla base della libertà, che faccia tosta! – ho spiegato che quando la borghesia è ⋯

L’inferno in terra

 ⋯ La storia è lutulenta e viscosa. Cosa da tenere sempre a mente, perché le catastrofi di domani stanno sempre maturando già oggi, sornionamente.
Umberto Eco , La Nave di Teseo, 2016 • versi di Dante, oscuri, incomprensibili, minacciosi, si prestano bene come titolo ⋯

Dall’autorganizzazione alla comunizzazione

 ⋯

La CIA e la controrivoluzione in Venezuela

 ⋯

Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche

 ⋯

Silenziosa vergogna di essere uomo

 ⋯
A Ruge che obiettava che con la vergogna non si fanno le rivoluzioni, [Marx] risponde che la vergogna è già una rivoluzione, e la definisce come «una specie di rabbia rivolta verso di sé». ⋯

Ricordi personali

  ⋯
Avevo allora ventiquattro anni; per tutta la mia vita non dimenticherò l’impressione che mi fece quella prima visita. In quell’epoca Marx era sofferente e lavorava al primo volume del Capitale, che apparve soltanto due anni dopo, nel 1867; egli temeva di non essere in ⋯

Vertigine continua

Egon Schiele ⋯
C’era in lei un irresistibile desiderio di cadere.
Viveva in una vertigine continua.
Desiderava fare qualcosa che non lasciasse possibilità di ritorno. ⋯

L’ultimo giorno della preistoria

 ⋯
Un giorno, qualcuno si renderà conto che sfruttare qualsiasi essere vivente implica un grado qualitativamente uguale ad un attentato che mina l’evoluzione della vita nell’universo. Ogni ramo di un albero che l’essere umano brucia per svilupparsi (o per molto meno), è un ramo dell’albero ⋯

Le deleterie strategie narrative dei media

 ⋯
È innegabile: la stagione dell’ultima tipologia culturale esplicitamente europea, quella che col senno di poi si potrebbe definire “neomarxista” (ma solo a patto di riallineare, con Marx, per lo meno Freud, Nietzsche e Saussure), attraversata dall’analisi dei fatti culturali sviluppata nel suo ⋯

Cosa intendo quando dico solo libertà?

The Dhammapada
La libertà può essere di tre tipi, e quei tre tipi devono essere capiti bene. Il primo è la libertà da, il secondo è la libertà per, ed il terzo è soltanto libertà – né da né per. Il primo, libertà da, è una ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi