Lo Zarathustra di Nietzsche

Sfuggire alla propria anima

La pietra alla memoria di Nietzsche
« […] È facile amare qualcun altro, ma amare ciò che sei, quella cosa che coincide con te, è esattamente come stringere a sé un ferro incandescente: ti brucia dentro, ed è un vero supplizio. Perciò amare in primo luogo qualcun altro è immancabilmente ⋯

Reale volontà di cambiare

 ⋯
Accettando noi stessi così come siamo, nasce un anelito, un desiderio di essere differenti, ed è la spinta che fa andare avanti il mondo intero.
Non vogliamo essere noi stessi perché non riusciamo a sopportare noi stessi, e quindi non facciamo mai progressi. Rimaniamo ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi