Un cieco in una stanza buia

Egon Schiele ⋯
Ma la definizione più sprezzante, venata di un humour tipicamente britannico, è quella attribuita a Lord Bowen, giudice inglese dell’Ottocento, che parlando a proposito di un filosofo metafisico disse: “Un cieco in una stanza buia che cerca un cappello che non c’è”. ⋯