Michelangelo Buonarroti

Cose difficili da capire

⋯ Michelangelo Buonarroti ⋯ Ciò che rende difficilmente intelligibile l’oggetto, quando è significativo, importante, non è la necessità di una determinata istruzione su cose astruse per poterlo capire, bensì il dissidio tra la comprensione dell’oggetto e ciò che la maggior parte degli uomini vuole vedere. Perciò le cose ⋯

Parola di filosofo

 ⋯ Parola di filosofo: le classifiche dei libri più venduti sono «infami» («sì, infami», ribadisce).
Osservate dalle alture spirituali che sono la dimora abituale di Giorgio Agamben, molte altre cose, com’è facile intuire, potranno apparire ancora più detestabili ed inutili. Tacciabile d’infamia è soprattutto quell’immane ⋯

Fare bene il proprio lavoro

Egon Schiele ⋯
Un uomo chiamato a fare lo spazzino dovrebbe spazzare le strade così come Michelangelo dipingeva, o Beethoven componeva, o Shakespeare scriveva poesie. Egli dovrebbe spazzare le strade così bene al punto che tutti gli ospiti del cielo e della terra si fermerebbero per dire ⋯

Colpi di scalpello

Egon Schiele ⋯ Madre cieca La Gioconda di Leonardo non è altro che un migliaio di migliaia di tocchi di colore. Il David di Michelangelo non è altro che un milione di colpi di scalpello. Noi tutti siamo un milione di pezzetti assemblati nel modo giusto. ⋯

Nessuno

Michelangelo Buonarroti
Una pietra esiste per essere guardata
ecco David mentre riposa in sé
come potrebbe essere il mondo?
Stupore di esserci ancora
che il visionario dell’azione diventi visibile
sradicati: l’avulso uno strappo
però con un che di diverso che ci spinga all’insù
verso l’ardire del ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi