Michelangelo Merisi da Caravaggio

Pressione fra due solidi

⋯ Michelangelo Merisi da Caravaggio,  ⋯ Abbiamo parlato sommariamente di una reversibilità del vedente e del visibile, del toccante e del toccato. E’ ora di sottolineare che si tratta di una reversibilità sempre imminente e mai realizzata di fatto. La mia mano sinistra è sempre sul punto di toccare la ⋯

È tutto ciò che abbiamo

attribuita a Caravaggio ⋯ Giuditta che decapita Oloferne
Gli uomini parlano di destino cieco, di qualcosa che agisce senza schemi o fini. Ma che sorta di destino è mai questo? Ogni atto compiuto in questo mondo è irreversibile, ed è preceduto da un altro, e da un altro ancora. Tutti insieme formano ⋯

La bellezza del mondo nasconde un segreto

Caravaggio  ⋯ La conversione di San Paolo
Con l’ultima luce del giorno, quando il mirino del fucile era ancora visibile, cinque cervi entrarono nella bajada, drizzarono le orecchie e si misero a pascolare. Il ragazzo mirò alla femmina più piccola e sparò. Il baio di Blevins, pur legato, s’impennò con un ⋯

La storia d’un povero assetato

Michelangelo Merisi da Caravaggio ⋯ La morte della Vergine
La pietà s’inganna regolarmente sul conto della propria forza, la donna vorrebbe poter credere che l’amore tutto possa, è questo il suo vero pregiudizio. Oh! i sapienti del cuore indovinano quanto povero, perplesso, presuntuoso, facile ad errare, più facile ancora a distruggere che a ⋯

Celebrare la bellezza

⋯ Caravaggio ⋯
La sua bellezza era inesprimibile e, come altre volte, Aschenbach sentì con dolore che la parola può, sì, celebrare la bellezza, ma non è capace di esprimerla. ⋯

Vecchie ferite riaperte

⋯ Michelangelo Merisi da Caravaggio ⋯
Come è possibile che ancora oggi, dopo Kandinsky o Mondrian, il passante più casuale, o il patito di Pollock o di Rauschenberg, o il più condiscendente elettore dell’arte ludica, entri in San Luigi dei Francesi e senta riaprirsi in petto una piaga che credeva ⋯

Chi ha orecchie in tenda

⋯ Caravaggio ⋯
Chi ha orecchie in tenda
Dice e ripete l’oscuro Giovanni
sgranando al porto le sue visioni
tra le grida dei friggitori
e le scannate angurie.
Io le orecchie le ho e in questa tenda
ci sto da molti anni.
Ma verrà mai qualcuno?
Una ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi