Doloroso e vano desiderio di me

Egon Schiele ⋯ Two little girls
Acceso e furibondo mi precipitai dinanzi allo specchio […] mi dette un’ immagine, no, una realtà, una estranea, inconcepibile, mostruosa realtà, di cui fui pervaso contro la mia volontà: poiché ora era lui il più forte, e lo specchio ero io. Fissavo quel grande ⋯