Safet Zec

Di un corpo un’anima

Safet Zec  ⋯
Amarsi è…
fare di un’anima un corpo
di un corpo un’anima
di una presenza… Te. ⋯

L’ombra dell’arte

 ⋯ Safet Zec ⋯ Se il mondo fosse chiaro, l’arte non esisterebbe. ⋯

Groviglio di emozioni

 ⋯ Safet Zec ⋯
Quando il contatto con l’altro passa per il pensiero, non c’è propriamente un contatto, ma un reiterarsi del rapporto attraverso immagini, un groviglio di emozioni e sentimenti a comando, dove la percezione è annullata. ⋯

La dispensa

Safet Zec ⋯ Credo che amare non sia semplicemente dare, ma a cosa sei disposto a rinunciare per diventare ciò che non sei ancora. ⋯

La mediocrità

Safet Zec ⋯ Non è il male che corre sulla Terra, ma la mediocrità. Il crimine non è Nerone che suonava la lira mentre Roma bruciava, ma il fatto che la suonasse male. ⋯

Tre generi di personaggi

 ⋯ Safet Zec ⋯
In tutta la sua opera Spinoza non cessa di denunciare tre generi di personaggi: l’uomo dalle passioni tristi; l’uomo che sfrutta queste passioni tristi, che ha bisogno di esse per stabilire il suo potere; infine, l’uomo che si rattrista per la condizione umana e ⋯

Il nominare non distribuisce nomi

⋯ Safet Zec ⋯ Il nominare non distribuisce nomi, non applica parole, bensì chiama entro la parola. Il nominare chiama. Il chiamare avvicina ciò che chiama. Il chiamare è sempre un chiamare presso e lontano, è evocare dall’assenza, è condurre alla presenza. Il linguaggio chiama mondo e cose ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi