Vademecum del realista principiante

L’intelletto e realtà conosciuta

Egon Schiele ⋯
La conoscenza di cui parla il realista è l’unione vissuta e sperimentata tra l’intelletto e una realtà conosciuta. Ecco perché una filosofia realistica ha sempre come referente questa realtà conosciuta senza la quale non ci sarebbe conoscenza. Le filosofie idealistiche, al contrario, partono dal ⋯

Al di là del pensiero

Egon Schiele ⋯
Così come non dobbiamo passare dal pensiero alle cose (sapendo che l’impresa è impossibile), nemmeno ci dobbiamo domandare se un al di là del pensiero sia pensabile. Può darsi in effetti che un al di là del pensiero non sia pensabile, ma è sicuro ⋯

Libertà del realista

Egon Schiele ⋯ Portrait of an Austrian Officer
Tale è la libertà del realista; perché non abbiamo altra scelta che dipendere dai fatti e così essere liberi dal nostro pensiero, o essere liberi dai fatti per poi dipendere dal nostro pensiero. Volgiamo dunque la nostra attenzione alle cose che sono oggetto della ⋯

Esigenza critica

Egon Schiele ⋯ Semi nude, back view
Per un uomo del nostro tempo, la cosa più difficile è rinunciare all’esercizio di una «esigenza critica»; il realista invece farà bene a rinunciarvi, perché la cosiddetta «esigenza critica» è la punta di diamante dell’idealismo, ed è proprio nell’idealismo che ritroviamo sempre questa «esigenza ⋯

Pensiero infedele a se stesso

Egon Schiele ⋯ Self Portrait
Alcuni idealisti ci criticano dicendo che la nostra teoria della conoscenza ci condanna a una certa qual “infallibilità”. Ma non prendiamo sul serio queste critiche. Noi siamo semplicemente dei filosofi per i quali la verità è il caso normale e l’errore il caso anormale, ⋯

Il termine “pensiero”

⋯ Niklaus Manuel ⋯ Occorre poi usare con cautela il termine “pensiero“. In effetti, la differenza più grande tra il realista e l’idealista e che l’idealista pensa, mentre il realista conosce. Per il realista “pensare” vuol dire solamente organizzare delle conoscenze o riflettere sul ⋯

Unità primitiva del soggetto

Egon Schiele ⋯ Meloni Ecco anche perché il realista non chiede mai alla conoscenza di generare l’oggetto, sapendo che senza un oggetto non ci sarebbe alcuna conoscenza. Al pari dell’idealista, egli fa uso della sua capacità di riflessione, ma mantenendola nei limiti della realtà conosciuta. Il punto di ⋯

Intelligenza critica

Egon Schiele ⋯ Stillende mutter
Il realista dovrà dunque sostenere sempre, contro l’idealista, che a ogni dimensione della realtà deve corrispondere un determinato approccio e una determinata ermeneutica. Solo allora il realista, essendosi rifiutato di legarsi a una critica preliminare della conoscenza, sarà libero — molto più libero dell’idealista ⋯

Trovo tutto ciò che vedo

Vugrel  ⋯ Clouds, Nature, GIF
È con questo spirito, in conclusione, che conviene leggere i grandi filosofi che ci hanno preceduti sulla via del realismo: «Non è in Montaigne ma in me stesso — scrive Pascal — che io trovo tutto ciò che vedo». La stessa cosa ⋯

Operatio sequitur esse

Egon Schiele ⋯ Reclining Boy II terzo segno dal quale si riconoscono le false scienze generate dall’idealismo è il bisogno che esse hanno di “fondare” i loro oggetti. In effetti, queste scienze non sono mai sicure che i loro oggetti esistano davvero. Per il realista, il cui ⋯

Il «metodo riflessivo»

 ⋯
Di tutti i metodi, il più pericoloso è il «metodo riflessivo». Il realista si accontenta di una pura e semplice riflessione. Se la riflessione diventa un metodo, allora non è più solamente una riflessione intelligentemente orientata, come deve essere, ma una riflessione ⋯

Riconoscere le false scienze

 ⋯
Il realista non deve dunque temere che l’idealista lo metta in contraddizione con il pensiero scientifico, perché ogni scienziato, anche se si ritiene idealista in filosofia, quando ragiona da scienziato non può che pensare in termini realistici. Uno scienziato non comincia mai con il ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi