Vincent van Gogh

Non vincenti

Vincent van Gogh ⋯ Seminatore al tramonto Il comunismo ha perso ma il capitalismo non ha vinto perché il comunismo sapeva distribuire la ricchezza ma non la sapeva produrre mentre il capitalismo sa produrre la ricchezza ma non la sa distribuire. In realtà il capitalismo, oltre alla ricchezza, non è ⋯

Incancellabile nella mia mente

⋯  ⋯ Noi continuiamo ad immaginarci che il mondo sia fatto così e così. Ci muoviamo sbadatamente sullo sfondo di un panorama che cambia caleidoscopicamente. E in questo sbadato arrancare, ci tiriamo dietro molte immagini d’attimi di esistenza passata. Finché non incontriamo ‘lei’. Improvvisamente il mondo ⋯

È dell’uomo attendere

⋯ Vincent van Gogh ⋯ È dell’uomo attendere. Dell’uomo giusto, attendere con fiducia; dell’ingiusto, con paura. ⋯

La filosofia di Spinoza passando dal cuore di Borges

 ⋯ Baruch Spinoza ⋯ ln un romanzo di Conrad un navigante, che è il narratore, vede dalla prua della sua nave qualcosa. Un’ombra, un chiarore ai confini dell’orizzonte. E si dice che quel chiarore, quell’ombra, è la costa d’Africa. E che più in là ci sono febbri, imperi, ⋯

Quando la gravità non è conforme

Vincent van Gogh ⋯ Una strada a Saint-Rémy con figura di donna
No, van Gogh non era pazzo, ma le sue pitture erano pece greca, bombe atomiche, la cui angolazione, confrontata con tutte le altre pitture che imperversavano in quell’epoca, sarebbe stata capace di turbare gravemente il conformismo larvale della borghesia del Secondo Impero. ⋯

Dove si trovino quelle scarpe?

Vincent van Gogh ⋯
Consideriamo, ad esempio, un mezzo assai comune: un paio di scarpe da contadina. Per descriverle, non occorre averne un particolare paio sotto gli occhi. Tutti sanno cosa sono. Ma poiché si tratta di una descrizione immediata, può essere utile facilitare la visione sensibile. A ⋯

Libero da tutte le cose

Van Gogh ⋯ Sulla soglia dell'eternità
Quando ero nella mia causa prima, non avevo alcun Dio, e là ero causa di me stesso. Nulla volevo, nulla desideravo, perché ero un puro essere, che conosceva se stesso nella gioia della verità. Allora volevo me stesso e niente altro; ciò che volevo, ⋯

A tutti i teatranti

lonequixote ⋯ Ritratto di Vincent van Gogh
A tutti gli illusi, a quelli che parlano al vento.
Ai pazzi per amore, ai visionari,
a coloro che darebbero la vita per realizzare un sogno.
Ai reietti, ai respinti, agli esclusi. Ai folli veri o presunti.
Agli uomini di cuore,
a coloro che ⋯

Siedo sulla schiena di un uomo

 ⋯ Vincent Van Gogh ⋯
Siedo sulla schiena di un uomo, soffocandolo, costringendolo a portarmi. E intanto cerco di convincere me e gli altri che sono pieno di compassione per lui e manifesto il desidero di migliorare la sua sorte con ogni mezzo possibile. Tranne che scendere dalla sua ⋯

Si può solo dire nulla

⋯ Vincent van Gogh ⋯ Si può solo dire nulla: destinazione e destino di ogni discorso. Ma solo questo nulla è proprio quel che si dice. La verità del discorso intesa come esperienza stessa del suo errore. Altro non resta che, in tutto abbandono lasciarsi comprendere dal discorso senza ⋯

Il cerchio antropologico

⋯  ⋯
L’opera di Artaud mette alla prova nella follia la propria assenza; ma questa prova, il coraggio ripetuto di questa prova, tutte queste parole gettate contro un’assenza fondamentale di linguaggio, tutto questo spazio di sofferenza fisica e di terrore che circonda il vuoto o piuttosto ⋯

Il destino della ricerca

Vincent van Gogh ⋯ Solo sul fondamento dello stupore, […] sorge il «perché?», e solo in quanto il perché è possibile come tale, noi possiamo domandare dei fondamenti e fondare in modo determinato. Solo perché possiamo domandare e fondare, è assegnato alla nostra esistenza il destino della ricerca. ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi