Gustave Doré ⋯ Davide risparmia Saul
E io: “Tanto m’è bel, quanto a te piace:
tu sè segnore, e sai ch’i’ non mi parto
dal tuo volere, e sai quel che si tace”.

Crediti
 • Dante Alighieri •
 • Pinterest • Gustave Doré Davide risparmia Saul • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ LDeh, or mi dì: quanto tesoro volle
74% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Deh, or mi dì: quanto tesoro volle Nostro Segnore in prima da san Pietro ch’ei ponesse le chiavi in sua balìa? Certo non chiese se non “Viemmi retro”. E se non fosse ch’ancor lo mi vieta la reverenza de le somme chiavi che tu tenesti ne la vita lieta, io ⋯
 ⋯ Se si potesse udire lo sguardo
65% Fernando PessoaFotografiaPoesie
L’amore, quando si rivela, non si sa rivelare. Sa bene guardare lei, ma non le sa parlare. Chi vuol dire quel che sente, non sa quel che deve dire. Parla: sembra mentire… Tace: sembra dimenticare… Ah, ma se lei indovinasse, se potesse udire lo sguardo⋯
Egon Schiele ⋯ VollmondLe isole fortunate
55% Fernando PessoaPoesieSchiele Art
Quale voce viene sul suono delle onde che non sia la voce del mare? È la voce di qualcuno che ci parla, ma che se ascoltiamo tace, proprio per esserci messi ad ascoltare. E solo se mezzo addormentati, udiamo senza sapere che udiamo, essa ci parla della sp⋯
Egon Schiele ⋯ Come quando tace un’onta
55% PoesieRainer Maria RilkeSchiele Art
Gli amanti potrebbero, se sapessero come, nell’aria della notte dire meraviglie. Perché pare che tutto ci voglia nascondere. Vedi, gli alberi sono, le case che abitiamo reggono. Noi soli passiamo via da tutto, aria che si cambia. E tutto cospira a tacere ⋯
Gustave Doré ⋯ E qual è quei che volontieri acquista
31% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
E qual è quei che volontieri acquista, e giugne ‘l tempo che perder lo face, che ‘n tutti suoi pensier piange e s’attrista; tal mi fece la bestia sanza pace, che, venendomi ‘ncontro, a poco a poco mi ripigneva là dove ‘l sol tace.
Gustave Doré ⋯ Il viaggio verso EmmausQuale allodetta che ‘n aere si spazia
31% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quale allodetta che ‘n aere si spazia prima cantando, e poi tace contenta de l’ultima dolcezza che la sazia, tal mi sembiò l’imago de la ‘mprenta de l’etterno piacere, al cui disio ciascuna cosa qual ell’ è diventa.