Desumere chi sono loro

Egon Schiele ⋯ Da come gli altri si comportano con noi non dobbiamo desumere e apprendere chi siamo noi, bensì chi sono loro. ⋯

Non c’è silenzio frivolo

 ⋯
Fatto degno di nota: non c’è silenzio frivolo, silenzio superficiale. Ogni forma di silenzio è essenziale. Quando lo si assapora, si conosce automaticamente una sorta di supremazia, una strana sovranità. È possibile che ciò che si designa con interiorità non sia nient’altro che un’attesa ⋯

Basta poco per consolarci

Egon Schiele ⋯ Basta poco per consolarci, perché basta poco per affliggerci. ⋯

La curiosità uccide

⋯  ⋯ La curiosità uccise il gatto ma la soddisfazione lo riportò in vita. ⋯

I godimenti dell’adolescenza sono vanità

Egon Schiele ⋯
L’adolescenza mi illuse, la gioventù mi traviò, ma la vecchiaia mi ha corretto e con l’esperienza mi ha messo bene in testa che era vero quel che avevo letto tanto tempo prima; che i godimenti dell’adolescenza sono vanità. ⋯

Grida no!

 ⋯
Abbiamo perso l’arte di dire “no”. No alla brutalità della politica, no alla follia delle ingiustizie economiche che ci circondano, no all’ invasione della burocrazia nella nostra vita quotidiana. No all’idea che si possano accettare come normali le guerre, la fame, la schiavitù infantile. ⋯

Il simile gode del simile

Egon Schiele ⋯ Il simile gode del simile: per essere amati dagli uomini bisognerebbe essere simili a loro. ⋯

Possesso del denaro

⋯  ⋯ Come tutti gli altri giovani americani della sua generazione era stato messo fuori strada dalla propaganda, che imperversava allora e che continua ancor oggi, e che intende creare l’illusione che ci sia qualcosa di grande nel possesso del denaro. Egli non sapeva allora, e ⋯

La vita è un istante

Egon Schiele ⋯
Anche la vita è un istante soltanto
soltanto un dissolversi di noi stessi
in tutti gli altri. ⋯

Paralisi dello stato democratico

⋯  ⋯
Non so. Comunque mi permetto di riassumente il pensiero in questa forma: la prima condizione affinché prevalga un sistema totalitario, è la paralisi dello stato democratico, cioè un’insanabile discordanza tra il vecchio sistema politico e la vita sociale radicalmente modificata; la seconda condizione è ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi