Crocchio composti da perfetti idioti

Do Ho Suh
Nei periodi torbidi d’oscillazione o di transizione, sempre e dovunque compare molta gentaglia. Io non parlo dei così detti ‘antesignani’, i quali hanno sempre hanno sempre fretta di passare avanti a tutti (è la loro preoccupazione principale) con uno scopo, sebbene assai ⋯

La ricerca

 ⋯
Non possiamo non convenire che la conclusione della ricerca smentisce se stessa e decade anch’essa nel mito, ma una volta raggiuntala non ci è dato evitarla, senza cadere in contraddizioni ancora più manifeste. Allo stato attuale delle cose, insomma, dobbiamo riconoscere di non avere ⋯

Non c’è silenzio frivolo

 ⋯
Fatto degno di nota: non c’è silenzio frivolo, silenzio superficiale. Ogni forma di silenzio è essenziale. Quando lo si assapora, si conosce automaticamente una sorta di supremazia, una strana sovranità. È possibile che ciò che si designa con interiorità non sia nient’altro che un’attesa ⋯

Le scuse erano roba inutile

⋯  ⋯ Le scuse, dichiarava la signora Touchett, erano roba inutile, ed ella stessa non si preoccupava mai di farne. O si faceva una cosa, o non la si faceva, e quel che uno avrebbe voluto fare apparteneva alla serie di concetti inutili come, per esempio, ⋯

L’autostima

⋯  ⋯ L’autostima, l’autostima, sempre l’autostima, non se ne può più di questa maledetta autostima, diceva mio marito (ex) Jacopo. Gli dava sui nervi la parola, quella velleità psico-scientifica. Ma voi (io e le mie amiche), voi lo direste che Giovanna D’Arco si autostimava? E Giuditta ⋯

Sei diventato indegno

⋯  ⋯ Ho vissuto la mia vita come un lupo degno, ho cacciato molto e ho diviso con i miei fratelli tante prede, così adesso sto morendo felice.
Invece tu vivrai la tua vita nella vergogna, da solo, in un mondo a cui non appartieni, perché ⋯

Il cacciatore

 ⋯
Molto tempo fa viveva un famoso cacciatore. Un giorno, mentre stava tornando a casa portando degli uccelli che aveva cacciato, vide un piccolo serpente dai colori splendenti e vivaci, che aveva un aspetto amichevole. Il cacciatore si fermò e lo osservò per qualche momento. ⋯

Collettività cieca

⋯  ⋯
Mai l’individuo è stato così completamente abbandonato a una collettività cieca, e mai gli uomini sono stati più incapaci non solo di sottomettere le loro azioni ai loro pensieri, ma persino di pensare. I termini di oppressori e di oppressi, la nozione di classe, ⋯

La repubblica degli Immortali

 ⋯
Ammaestrata da un esercizio di secoli, la repubblica degli Immortali aveva raggiunto la perfezione della tolleranza e quasi del disdegno. Essi sapevano che in un tempo infinito ad ogni uomo accadono tutte le cose. […] Nessuno è qualcuno, un solo uomo immortale è tutti ⋯

Puttanesimo di notte

⋯ Motohiko Odan ⋯ Ah, come si doveva stare da dio Pan in Grecia con tutti i suoi dei e dee dai sembianti e dagli amori e dai sentimenti umani! E poi venne la più grande barbarie della storia dell’umanità: l’invenzione delle religioni monoteistiche fondate sulla normativa sessuale ⋯

Devo soffrire dell’altro?

⋯ Moritz Aust ⋯ Ancora oggi mi chiedo perché quei tedeschi non mi aspettarono alla villa mandando qualcuno a cercarmi a Torino. Devo a questo se sono ancora libero, se sono quassù. Perché la salvezza sia toccata a me e non a Gallo, non a Tono, non a ⋯

Se ci sarà qualcosa da vivere, ti individuerà

⋯  ⋯
Basta covare immagini di pienezza a due per tutti e due: allontana te e chiunque altro dalla possibilità reale di dargli corpo. Niente rimpianto per ciò che avresti potuto e voluto vivere e non ti è stato concesso, e niente più affanno nel volerlo ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi