Ci mandano alla Caienna!

Egon Schiele ⋯
Una volta andammo in Provenza io, Gassman e Tognazzi. Andiamo a mangiare in un albergo che era anche uno dei più rinomati templi della cucina francese. Gassman era già un attore di fama internazionale e Ugo, dopo La grande bouffe, in Francia ⋯

Insanabile incongruenza!

Egon Schiele ⋯
Nella capitale della provincia cinese del Sezuan giungono tre dèi, in pellegrinaggio attraverso il paese alla ricerca di qualche anima buona; e ne trovano una nella prostituta Shen Te, che accorda loro ricovero per la notte. Il compenso per tale atto di bontà è ⋯

Piangeva di fronte alla statua

 ⋯
Si dice che un giorno un viaggiatore arrivò a Caracas al crepuscolo e, senza neanche scuotersi via la terra della strada, non chiese né dove si mangiava né dove si dormiva, bensì, siccome stava andando via, domandò dove si trovava la statua di Bolívar. ⋯

La favola dei maiali arrostiti

Racconta il vecchio professore che una volta una foresta prese fuoco in cui c’erano dei maiali che furono arrostiti. Gli uomini, abituati a mangiare carne cruda, li assaggiarono e poi, ogni volta che volevano mangiare maiali arrostiti, incendiavano la foresta.
Una delle possibili varianti ⋯

Cos’è l’oceano?

 ⋯
Un giorno, nel piccolo pozzo in cui una rana è vissuta tutta la sua vita, salta una rana che dice di venire dall’oceano. «L’oceano? E cos’è?» chiede la rana del pozzo.
«Un posto grande, grandissimo», dice la nuova arrivata.
« ⋯

La cattiveria gratuita della gente

⋯  ⋯
Una persona brava in qualcosa, stimata, che non scende a compromessi, pulita moralmente è invidiata, disprezzata e temuta. E invece di cercare di prendere dal suo esempio e di ammirarla, la boicottano perché non riescono ad entrare in competizione con lei su qualsiasi piano ⋯

Le quattro streghe

Navajo 1874
Il Distruttore, figlio del dio Sole, si mise in cerca un giorno di quattro streghe, perché voleva ucciderle.
La prima che incontrò tremava e si torceva al suo cospetto, però non di paura. Freddo era il suo nome. Se tu mi uccidi disse il  ⋯

Che cosa è il vero?

⋯ Quercia di Torquato Tasso al Gianicolo ⋯
Genio – Quale delle due cose stimi che sia più dolce: vedere la donna amata o pensarne? Tasso – Non so. Certo che quando mi era presente, ella mi pareva una donna; lontana, mi pareva e mi pare una dea. Genio – Coteste dee ⋯

A Pasifae piaceva il toro

Dedalo e Pasifae in un affresco della Casa dei Vetti - Pompei
Un giorno la regina Pasifae, parlando con alcune amiche, disse: Francamente del sesso non m’importa nulla. Fosse per me, ne farei a meno.
Non l’avesse mai detto: Afrodite, punta sul vivo, la trasformò in una ninfomane e da quel giorno la poverina non ⋯

Trasformazioni

⋯  ⋯
In un giardino c’era un melo in fiore
e in questo giardino c’era anche un’ape che s’innamorò
d’uno dei bianchi fiori del melo. Entrambi s’amarono appassionatamente e si fidanzarono. Poi l’ape, d’estate, se ne andò e quando tornò
il fiore si era trasformato in ⋯

Tulipani

  ⋯ Igor Levashov  ⋯
I tulipani sono troppo eccitabili, qui è inverno. Guarda com’è tutto bianco, quieto, coperto di neve. Sto imparando la pace, distesa quietamente, sola, come la luce posa su queste pareti bianche, questo letto, queste mani. Non sono nessuno; non ho nulla a che fare ⋯

I ciechi e l’elefante

 ⋯ C’era una volta un re che ordinò al suo ministro: Riunisci in una piazza tutti gli uomini del regno, che sono ciechi fin dalla nascita!. Il ministro eseguì l’ordine e quindi lo annunziò al re. Questi si recò sulla piazza, dov’erano riuniti i ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi