Si scrive per scomparire

⋯ Tina Sgrò ⋯
Tutta la critica e tutta l’analisi letteraria consistono, essenzialmente a partire dal XIX secolo, in uno studio dell’opera per scoprire attraverso questa il volto dell’autore, le forme assunte dalla sua vita mentale e sentimentale, la sua individualità concreta e storica. Vi fu un’epoca nella ⋯

Godimento intransitivo

⋯ Monika Ekiert Jezusek ⋯
Il testo di godimento è assolutamente intransitivo. Pure, la perversione non basta a definire il godimento; è l’estremo della perversione a definirlo: estremo sempre spostato, estremo vuoto, mobile, imprevedibile. Questo estremo garantisce il godimento: una perversione media si carica ben presto di un gioco ⋯

Sostanza chimica impalpabile

⋯ Loui Jover ⋯ La parola è fatta di una sostanza chimica impalpabile che opera le più violente delle alterazioni. ⋯

Monolinguismo permanente

Laguna di La Restinga - Nueva Esparta, Vzla.
Il mio monolinguismo è permanente, e lo chiamo la mia dimora, e lo avverto come tale, ci sto e lo abito. Esso mi abita… Al di fuori da questo non sarei me stesso. Esso mi costituisce, mi detta ogni cosa fino all’ipseità, mi prescrive, ⋯

Sapere teorico?

⋯  ⋯
Inizialmente e nella sua determinazione classica, la menzogna non è l’errore. Si può essere nell’errore, ci si può ingannare, è possibile anche dire il falso senza cercare di ingannare e quindi senza mentire. È vero che le esperienze della menzogna, dell’inganno e dell’ingannarsi si ⋯

Atto di resistenza

Francis Bacon ⋯ Qual è il rapporto tra l’opera d’arte e la comunicazione? Nessuno, nessuno. L’opera d’arte non è uno strumento di comunicazione. L’opera d’arte non ha nulla a che fare con la comunicazione. In compenso c’è un’affinità fondamentale tra l’opera d’arte e l’atto di resistenza. Allora ⋯

Tradurre è scrivere con un po’ più di responsabilità…

⋯  ⋯
La traduzione e la lettera o l’albergo nella lontananza”, è il titolo del libro, tratto da un seminario, che Antoine Berman ha tenuto a Parigi nel 1984, ed è stato pubblicato già l’anno successivo a cura dell’autore. Al centro della riflessione c’è, com’è evidente, ⋯

Puro gioco di parole

 ⋯ Elliott Erwitt ⋯ Nel parlare e nello scrivere avviene qualcosa di folle: la vera conversazione è un puro gioco di parole. C’è solo da stupirsi se, per un risibile errore, la gente crede di parlare per le cose. Proprio ciò che il linguaggio ha di peculiare, il ⋯

Fuoriuscite!

Merve Özaslan La libertà che dapprima è un fatto fisico e di movimento, diventa poi un fatto mentale: sentirsi liberi è esserlo, nonostante tutto. uesta mania di assegnare un nome a “cose” che ne farebbero anche a meno, poiché muovono comunque indisturbate, fino a quando appunto, ⋯

Le inutili parole

Gabriel Rigby ⋯ Siamo pervasi di parole inutili, di una quantità folle di parole e di immagini. La stupidità non è mai muta né cieca. Il problema non è più quello di fare in modo che la gente si esprima, ma di procurare loro degli interstizi di ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi