Conservare la salute

Egon Schiele ⋯
È più saggio prodigarsi per conservare la salute e per perfezionare le proprie facoltà piuttosto che per l’acquisto di ricchezze; tuttavia questo non va frainteso nel senso che si debba trascurare di ottenere ciò che è necessario e adeguato.
Dobbiamo valorizzare i nostri beni ⋯

Far sentire una voce

Egon Schiele ⋯
Per istinto sono sempre stato lontano dal potere e non ho mai corteggiato chi lo aveva. I potenti mi han sempre lasciato freddo. Se mai sono entrato in qualche stanza dei bottoni, era con un taccuino per prendere appunti e sempre pronto a scoprire ⋯

Si vive nello struggimento

Egon Schiele ⋯
Che cos’è l’ideale se non l’io di cui si va in cerca e che resta sempre lontano? Si cerca se stessi, perciò non si ha ancora se stessi, si aspira a ciò che si dev’essere, perciò non si è. Si vive nello struggimento: per ⋯

Il mare sgocciola verde

Egon Schiele ⋯
È freddo negli anfratti dell’essere rocciosi,
il mare gocciola là sotto, c’è chi chiede pietà
a braccia aperte e chi accusa con l’indice elevato.
È freddo, il pesce nella marea imprendibile,
il vento carezza la roccia, le ali sono chiuse,
i morti non sono ⋯

Vorrei essere uno solo

Egon Schiele ⋯
Dopo la sua morte, Shakespeare si trovò al cospetto di Dio e gli disse: Io che ho vissuto nei panni di tanti personaggi, ora vorrei essere uno solo e me stesso. Dio gli rispose: Neppure io sono stato uno solo e me stesso:  ⋯

Appassionata sensibilità

Egon Schiele ⋯
La superstizione è sostenuta esclusivamente dalla speranza, dall’Odio, dall’ira e dall’inganno, dato che essa trae la sua origine non dalla ragione, ma dalla sola sensibilità e per di più da una appassionata sensibilità. ⋯

Parli in modo oscuro

Egon Schiele ⋯
Dal signor Keuner, il pensatore, andò un professore di filosofia a raccontargli della sua saggezza. Dopo un po’ il signor Keuner gli disse: – Tu siedi scomodamente, parli scomodamente, pensi scomodamente -. Il professore di filosofia andò in collera e disse: – Non è ⋯

Così non deve essere!

Egon Schiele ⋯ Sviluppare in sé questa conoscenza fa parte dei compiti dell’antroposofo. Il problema non è davvero che l’antroposofia venga presa come un surrogato per qualcosa che in precedenza era fornito dalle confessioni religiose, oggi diventate un po’ noiose per molte delle cosiddette persone istruite; e ⋯

Il nostro bene

Egon Schiele ⋯ Tutti vogliono il nostro bene. Non fatevelo portar via. ⋯

Tempo e silenzio

Egon Schiele ⋯ A tutti i mali ci sono due rimedi: il tempo e il silenzio. ⋯

Con parole semplici

Egon Schiele ⋯ Parlare in modo complicato, utilizzare parole difficili sta a segnalare che si fa parte dei privilegiati, si viene invitati ai convegni, coperti di onori. Ma bisogna chiedersi se tutti quei discorsi hanno un contenuto, se non si riesce a dire la stessa cosa con ⋯

Non è facile invecchiare con garbo

Egon Schiele ⋯
Bisogna accertarsi della nuova carne, di nuova pelle, di nuovi solchi, di nuovi nei. Bisogna lasciarla andare via, la giovinezza, senza mortificarla in una nuova età che non le appartiene, occorre far la pace con il respiro più corto, con la lentezza della rimessa ⋯

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi