Gustave Doré ⋯ L'espulsione di Hagarr
Vergine Madre, figlia del tuo figlio,
umile e alta più che creatura,
termine fisso d’etterno consiglio,
tu sè colei che l’umana natura
nobilitasti sì, che ‘l suo fattore
non disdegnò di farsi sua fattura.

Crediti
 • Dante Alighieri •
  • XXXIII, 1-6 •
 • Pinterest • Gustave Doré L'espulsione di Hagar • The Dore Gallery of Bible Illustrations •

Similari
Gustave Doré ⋯ Per me si va ne la città dolente
69% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Per me si va ne la città dolente, per me si va ne l’etterno dolore, per me si va tra la perduta gente. Giustizia mosse il mio alto fattore; fecemi la divina podestate, la somma sapïenza e ‘l primo amore. Dinanzi a me non fuor cose create se non etterne, e⋯
Marc ChagallTrepidanti statue
30% PoesieWilliam Blake
Piuttosto soffocare un bambino nella culla che cullarlo d’insoddisfatti desideri. Trepidanti statue di sangue vestite, di abiti, e legate per un istante nelle prime luci di Trafalgar Square, a bassa voce scambiano promesse domande, lamenti e grida beffard⋯
Gustave Doré ⋯ Il viaggio verso EmmausQuale allodetta che ‘n aere si spazia
30% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Quale allodetta che ‘n aere si spazia prima cantando, e poi tace contenta de l’ultima dolcezza che la sazia, tal mi sembiò l’imago de la ‘mprenta de l’etterno piacere, al cui disio ciascuna cosa qual ell’ è diventa.
Gustave Doré ⋯ Naomi e le sue nuorePer lor maladizion
30% Dante AlighieriDoré GalleryPoesie
Per lor maladizion sì non si perde, che non possa tornar, l’etterno amore, mentre che la speranza ha fior del verde.
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
23% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
Egon Schiele ⋯ Lupe
20% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Lavorava nella Guerrero, a pochi isolati dalla casa di Julián. Aveva diciassette anni e aveva perso un figlio. Il ricordo la faceva piangere in quella camera dell’hotel Trébol, spaziosa e buia, con bagno e bidet, il luogo ideale per viverci qualche anno. ⋯