Test per chi si crede tollerante

Quando sono in tanti, i turisti, come appunto i nemici, sembrano a malapena umani. Trattati come numeri dalle loro agenzie, uniformati da berrettini di tela o paglia, da funeste trasparenze di canottiere e reggiseno, gli occhiali neri sulla fronte, la camera a tracolla, il souvenir di serie stretto in pugno, è impossibile per chi li vede sfilare considerarli individui. La loro massiccia ubiquità desta, se non furia omicida, fastidio, insofferenza; la mano tende a scacciarli come mosche, l’occhio e la mente si sforzano di cancellare la loro presenza, di guardare le porte del duomo, l’affresco nella seconda cappella, la nobile scalinata, come se quei corpi sudati non fossero lì a occludere prospettive, nascondere particolari, mutilare statue. Anche a non mettere nel conto le lattine e le plastiche che lasciano ovunque, i graffiti con cui deturpano indelebilmente absidi e colonnati, anche postulando milioni di gentiluomini civilissimi, che non ascoltino radioline, parlino a bassa voce, si spostino in punta di piedi, la loro capacità di distruzione estetica resta tuttavia enorme. Mille turisti in un chiostro significano, in pratica, l’annullamento del chiostro. Cento turisti davanti a un Caravaggio equivalgono alla soppressione del Caravaggio. Perduta è la concentrazione, perduto il lento approccio contemplativo, quel girare attorno, quell’inclinare la testa, quell’attiva messa a fuoco di ciascun dettaglio, quel passivo assorbimento dell’insieme, quel lasciare che la memoria sistemi a poco a poco il capolavoro in mezzo ad altri capolavori, precedenti, coevi, seguenti. Gomiti nudi ti si piantano sbadatamente nei fianchi, spalle e pance ti premono da ogni parte, teste con la permanente si sovrappongono alle teste di Oloferne, di Giovanni Battista. Con quale diritto? È un test durissimo per chi si crede tollerante, democratico.

Crediti
 • Autori Vari •
  • Carlo Fruttero e Franco Lucentini •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
100% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Impero, vent’anniImpero, vent’anni
82% Autori VariPolitica
Vent’anni fa, quando è stato pubblicato il nostro libro Impero, i processi economici e culturali della globalizzazione erano al centro della scena: tutti potevano vedere che stava emergendo qualcosa come un nuovo ordine mondiale. Oggi la globalizzazione è⋯
Totem immobili, silenti e arcani
65% Federico PaceMedia
Le opere del Caravaggio a San Luigi dei Francesi (Il martirio di San Matteo, la vocazione di San Matteo e l’Ispirazione di San Matteo) sono forse i quadri più visti a Roma. Anche in questi giorni d’estate. Ti basta rimanerci un poco davanti per capirlo, p⋯
Egon Schiele ⋯ Della virtù che rimpiccolisce
43% ArticoliFriedrich NietzscheSchiele Art
Zarathustra fu di nuovo sulla terra ferma, non corse subito alla sua montagna e alla sua grotta, ma fece molte strade e domande e si informò di questo e di quello, così che diceva a se stesso scherzando: ‹‹Ecco un fiume, che per mille curve rifluisce alla⋯
Jean-Michel Basquiat ⋯Nemici del popolo
41% ArticoliAutori VariSocietà
Una delle tante ridicole credenze degli sventurati è che le loro miserie debbano necessariamente suscitare simpatia. Questa è davvero la più tenace delle loro convinzioni. Non è mai troppo sbagliato dimostrare, nel loro stesso interesse, fino a che punto ⋯
Egon Schiele ⋯ Acrobata
34% Edoardo SanguinetiSchiele Art
Acrobata (s. m.) è chi cammina tutto in punta (di piedi): (tale, almeno, è per l’etimo): poi procede, però, naturalmente, tutto in punta di dita, anche, di mani (e in punta di forchetta): e sopra la sua testa: (e sopra i chiodi, fachireggiando e funambole⋯