⋯
Signora, io ti toccherò con la
mia mente.
Ti toccherò e toccherò e toccherò
finché tu non mi
farai di colpo un sorriso,
timidamente osceno
(signora io ti toccherò con la mia mente.)
Toccherò
e, tutto qui,
lievemente e tutta te stessa
sarai con infinito agio
la poesia che io non so scrivere.

Crediti
 • Edward Estlin •
 • Pinterest • John Collier  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
45% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
 ⋯ Le donne della mia generazione
45% Luis SepúlvedaPoesie
Le donne della mia generazione aprirono i loro petali ribelli non di rose, camelie, orchidee o altre piante di salottini tristi, di casette borghesi, di usanze stantie, ma di erbe pellegrine al vento. Perché le donne della mia generazione fiorirono per st⋯
Egon Schiele ⋯ Il verme
36% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Rendiamo grazie per la nostra povertà, disse il tipo vestito di stracci. Lo vidi con quest’occhio: vagava per un paese di case piatte, fatte di cemento e mattoni, fra Messico e Stati Uniti. Rendiamo grazie per la nostra violenza, disse, anche se sterile c⋯
Egon Schiele ⋯ Crouching Nude GirlSilenziosa luna
32% Giacomo LeopardiPoesieSchiele Art
Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai, Silenziosa luna? Sorgi la sera, e vai, Contemplando i deserti; indi ti posi. Ancor non sei tu paga Di riandare i sempiterni calli? Ancor non prendi a schivo, ancor sei vaga Di mirar queste valli? Somiglia alla tu⋯
Egon Schiele ⋯ Portrait of WallyLa poesia è un clamore
32% Leo FerréPoesieSchiele Art
Il poeta che non si sottomette è un uomo mutilato. La poesia è un clamore e deve essere ascoltata come la musica. La poesia destinata ad essere soltanto letta e rinchiusa in veste tipografica non è ultimata. Il sesso le viene dato dalla corda vocale così ⋯
 ⋯ I folletti di vetro
25% Fabrizio de Andre’MusicaPoesie
Ho licenziato Dio gettato via un amore per costruirmi il vuoto nell’anima e nel cuore Le parole che dico non han più forma nè accento si trasformano i suoni in un sordo lamento Mentre fra gli altri nudi io striscio verso un fuoco che illumina i fantasmi d⋯