Torrente di montagna (cascata)Il dipinto Mountain Torrent (Waterfall) di Egon Schiele, realizzato nel 1918 con tecnica dell’olio su tela e misure di 110,2 x 140,5 cm, rappresenta una cascata di montagna in cui l’acqua scorre impetuosa e si getta in un laghetto sottostante. Il dipinto è stato acquisito nel 1918 da Richard Lanyi, che lo ha comprato direttamente dall’artista, mentre la provenienza successiva ha visto il passaggio del dipinto nelle mani di Max Wagner e di una collezione privata austriaca.

Il dipinto è stato esposto in numerose mostre, tra cui la Kunstschau al Österreichisches Museum für Kunst und Industrie di Vienna nel 1920 e le Gedächtnisausstellung Egon Schiele alla Neue Galerie di Vienna nel 1928 e nel 1948.

Il dipinto è stato descritto dalla critica come espressionista, con uno stile forte e deciso che enfatizza i contorni e le linee. Il dipinto mostra anche un uso intenso del colore, con una tavolozza che varia dalle tonalità scure del nero e del grigio alle sfumature più vivaci del blu e del verde.

Sembra che Schiele abbia scoperto il motivo della cascata nel giugno 1917 durante una gita militare nella valle dello Stubai. La natura incontaminata della cascata e la sua forza hanno evidentemente ispirato l’artista, che ha cercato di rappresentare in modo realistico la potenza dell’acqua in movimento.

In sintesi, Mountain Torrent (Waterfall) di Egon Schiele è un dipinto impressionante che rappresenta la forza della natura e l’abilità dell’artista nel rappresentare la realtà in modo intenso ed espressivo. Il dipinto ha avuto una storia di esposizioni importanti e ha ricevuto il plauso della critica per la sua tecnica e il suo stile espressionista.

Crediti
 Joe Conta
 Disegni di Schiele
 SchieleArt •  Mountain Torrent (Waterfall) • 




Quotes casuali

Sulla vetta della gioia ho dichiarato riguardo a una musica mai udita. E allora? Vorrei poter vivere solo in estasi, plasmando il corpo della poesia col mio corpo, recuperando ogni frase con i miei giorni e le mie settimane, infondendo nel poema il mio respiro mentre ogni lettera di ogni parola sia stata sacrificata nelle cerimonie del vivere...Il desiderio della parola. Alejandra Pizarnik
Inferno musicale
Mutano i cieli sotto i quali ti trovi, ma non la situazione interiore, poiché sono con te le cose da cui cerchi di fuggire.Lucio Anneo Seneca
Ciò che facciamo meglio, proprio questo la nostra vanità vorrebbe che fosse ciò che facciamo con più difficoltà. Per l'origine di alcune morali.Friedrich Nietzsche