Tra nostalgia e durezza: il colonnello si trasformaLo stesso di lui, comare – rispose -: fare il mio dovere. Il primo ottobre, all’alba, il colonnello Aureliano Buendía, con mille uomini ben armati, attaccò Macondo e la guarnigione ricevette l’ordine di resistere fino alla fine. A mezzogiorno, mentre il generale Moncada pranzava con Úrsula, un colpo di cannone ribelle che rimbombò in tutto il paese polverizzò la facciata della tesoreria municipale. Sono armati bene quanto noi – sospirò il generale Moncada – ma inoltre combattono con più voglia. Alle due del pomeriggio, mentre la terra tremava per i colpi di cannone di entrambi i lati, si congedò da Úrsula con la certezza che stava combattendo una battaglia persa.
– Prego Dio che stanotte Aureliano non sia in casa – disse -.
Se così fosse, dagli un abbraccio da parte mia, perché non spero di vederlo mai più.
Quella notte fu catturato mentre cercava di fuggire da Macondo, dopo aver scritto una lunga lettera al colonnello Aureliano Buendía, in cui gli ricordava i comuni propositi di umanizzare la guerra, e gli augurava una vittoria definitiva contro la corruzione dei militari e le ambizioni dei politici di entrambi i partiti. Il giorno successivo il colonnello Aureliano Buendía pranzò con lui a casa di Úrsula, dove fu recluso fino a che un consiglio di guerra rivoluzionario decidesse il suo destino. Fu una riunione familiare. Ma mentre gli avversari dimenticavano la guerra per evocare ricordi del passato, Úrsula ebbe la cupa impressione che suo figlio fosse un intruso. L’aveva avuta da quando lo aveva visto entrare protetto da un rumoroso apparato militare che rivoltò le camere da letto da cima a fondo fino a convincersi che non vi fosse alcun rischio. Il colonnello Aureliano Buendía non solo lo accettò, ma impartì ordini di una severità categorica, e non permise a nessuno di avvicinarsi a meno di tre metri, nemmeno a Úrsula, finché i membri della sua scorta non ebbero finito di stabilire le guardie intorno alla casa.
Indossava una uniforme di tela ordinaria, senza insegne di alcun tipo, e degli stivali alti con speroni impiastrati di fango e sangue secco.
Portava alla cintura una pistola con la fondina slacciata, e la mano sempre appoggiata all’impugnatura rivelava la stessa tensione vigile e risoluta dello sguardo. La sua testa, ora con profonde stempiature, sembrava cotta a fuoco lento.
Il suo volto, screpolato dal sale dei Caraibi, aveva acquisito una durezza metallica. Era preservato contro la vecchiaia imminente da una vitalità che aveva qualcosa a che fare con la freddezza delle viscere. Era più alto di quando era partito, più pallido e ossuto, e manifestava i primi sintomi di resistenza alla nostalgia. Dio mio – si disse Úrsula, allarmata -. Ora sembra un uomo capace di tutto. Lo era. Il mantello azteco che portò ad Amaranta, le evocazioni che fece durante il pranzo, le divertenti aneddoti che raccontò, erano semplici brace del suo umorismo di un’altra epoca.

Crediti
 Gabriel García Márquez
 Cento anni di solitudine
 Pinterest •   • 




Quotes per Gabriel García Márquez

Dio mio se avessi un pezzo di vita, non lascerei passare un solo giorno senza dire alle persone che amo, che le amo. Direi ad ogni uomo e ad ogni donna che sono i miei prediletti e vivrei innamorato dell'amore. Mostrerei agli uomini quanto sbagliano quando pensano di smettere di innamorarsi man mano che invecchiano, non sapendo che invecchiano quando smettono di innamorarsi.

Capita che sfiori la vita di qualcuno, ti innamori e decidi che la cosa più importante è toccarlo, viverlo, convivere le malinconie e le inquietudini, arrivare a riconoscersi nello sguardo dell'altro, sentire che non ne puoi più fare a meno e cosa importa se per avere tutto questo devi aspettare cinquantatré anni sette mesi e undici giorni notti comprese?

Si lasciò trasportare dalla sua convinzione che gli esseri umani non nascono sempre il giorno in cui le loro madri li danno alla luce, ma che la vita li costringe ancora molte altre volte a partorirsi da sé.  L'amore ai tempi del colera

Le aveva insegnato che nulla di quanto si fa a letto è immorale se contribuisce a perpetuare l'amore. E una cosa che da allora in poi sarebbe stata la ragione della sua vita: l'aveva convinta che si viene al mondo con i propri orgasmi contati, e quelli che non vengono usati per qualsiasi motivo, proprio o altrui, volontario o coatto, sono persi per sempre.  L'amore ai tempi del colera