⋯
Eric Hobsbawm ha introdotto nel nostro vocabolario il concetto di “tradizione inventata”: aspiranti leader politici di comunità ancora non formate hanno spesso inventato, come ha mostrato Hobsbawm, un passato comune che, nelle loro intenzioni, tiene insieme la comunità e la obbliga a rimanere unita. Essi avanzano argomenti dal passato per vincolare il futuro, e il fatto che non vi sia un passato da cui ricavare argomenti appropriati non costituisce per loro un ostacolo; dopotutto, contano solo il presente comune e il futuro comune; un passato comune ha importanza solo in quanto rende un po’ più facile il lavoro di modellarli e mantenerne l’indirizzo.

Crediti
 • Zygmunt Bauman •
 • La solitudine del cittadino globale •
 • SchieleArt •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
347% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
249% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Il tempo e le sue_nostre concezioni
181% ArticoliFilosofiaTommaso Giordani
Interrogarsi sulla natura del tempo, cercando di darne una spiegazione razionale in rapporto alla storia e, perché no, alla nostra quotidianità, è molto complicato. Sebbene la concezione del tempo sia andata trasformandosi nel corso della storia in modo f⋯
La scrittura delle donne
166% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯
Il potere e l’onore
136% ArticoliGiuseppe TortoraPolitica
Quando penso a certi personaggi che hanno popolato le nostre aule parlamentari, non riesco a fare a meno di pensare ad una famosa scena del film «Totò a colori». In treno, in uno scompartimento del vagon-lit, il sospettoso Antonio Scannagatti, musicista i⋯