⋯  ⋯
La traduzione e la lettera o l’albergo nella lontananza, è il titolo del libro, tratto da un seminario, che Antoine Berman ha tenuto a Parigi nel 1984, ed è stato pubblicato già l’anno successivo a cura dell’autore. Al centro della riflessione c’è, com’è evidente, il tema della letteralità nel tradurre, a partire dall’idea che non è possibile parlare di traduzione in senso stretto quando si mira alla semplice restituzione del senso, alla semplice ricerca di equivalenti, senza scontrarsi integralmente con il peso corporeo della lettera. Tuttavia la dimensione della lettera non è fungibile in maniera immediata – la letteralità viene quasi universalmente confusa con il “calco servile” – e tutto il seminario si applica nello sforzo di far emergere la natura più profonda e produttiva di questa dimensione, innanzitutto cercando di accerchiarla (la definizione “in cavo”), nominando una per una le tendenze “deformanti” che incessantemente l’aggrediscono nelle forme correnti di traduzione; quindi procedendo alla magistrale disamina di tre casi esemplari di traduzione letterale: Hölderlin traduttore di Sofocle, Chateaubriand traduttore di Milton e Klossowski traduttore di Virgilio. Lo stile – si tratta di un “testo di lavoro” – è rapido e informale, spesso declinante verso l’oralità, ma sorprendentemente sottile nella posizione delle domande e nella definizione dei problemi: al punto da costituire una guida preziosa tanto per chi si cimenti nella pratica del tradurre, quanto per chi osservi il fenomeno con occhio puramente teorico; ma anche – e forse soprattutto – per chi s’interroghi sull’espressione linguistica in generale: sui suoi vincoli spesso invisibili o inavvertiti, sui suoi spazi di libertà (quelli che solo l’esperienza della traduzione consente di riconoscere), sui piani imprevedibili – come quello etico, “religioso” e persino politico – in cui essa è messa realmente in gioco.

Similari
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
62% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine “postmoderno”, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e ⋯
Cosa vuole una donna?
60% Giuseppe AntonelliLinguaggio
“Un certo Hegel” dice Lacan nel Seminario XVII su Il rovescio della psicoanalisi “ha articolato che essa gli viene svelata dal lavoro del servo. Solo che questo discorso di Hegel è un discorso da padrone”. E più avanti: “La filosofia ha giocato il ruolo d⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
46% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
 ⋯ Nessuna parola è traducibile
41% Harald WeinrichLinguaggio
Anche la frequente lamentela che le lingue sono fondamentalmente intraducibili, è superflua. Si dice che la parola tedesca Gemuet si sottrae alla traduzione così come la parola francese esprit o la parola anglo-americana business. Argomentazioni dilettant⋯
 ⋯ Noi siamo perché traduciamo
38% Aldo BusiLinguaggio
Noi non siamo neppure consapevoli che siamo quello che siamo non perché pensiamo e dunque siamo, ma perché traduciamo e dunque siamo. Perché il tra-durre va ben al di là del se-durre, del portare a sé. Il tradurre presuppone un equa distanza fra il valore⋯
 ⋯ Le maschere e il teatro della vita
33% ArticoliClaudio MustacchiLinguaggio
II linguaggio quotidiano associa spesso la metafora della maschera definendo ad essa l’inganno e l’imbroglio. Nel quotidiano ritornano frasi del tipo “togliti la maschera!”, “quel tipo porta sempre una maschera”, “cosa c’è dietro la sua maschera?”. Il ter⋯