Tralasciare la preghiera quotidiana
In effetti lo spirito ha raggiunto il suo attuale stadio di coscienza come la ghianda si trasforma in quercia, come i sauri si sono trasformati in mammiferi. Come si è trasformata durante un tempo lunghissimo, così continua ancora a svilupparsi in quanto siamo spinti tanto da forze interiori quanto da stimoli esterni. Queste forze interiori provengono da una sorgente profonda che non è alimentata dalla coscienza e sfugge al suo controllo.
Nell’antica mitologia queste forze erano chiamate mana, spirito, demoni o dei. Esse sono sempre attive anche oggi. Se si conformano ai nostri desideri, parliamo di ispirazione o di impulsi felici e ci compiacciamo di essere tipi intelligenti. Se queste forze ci sono sfavorevoli diciamo che si tratta di mancanza di fortuna o che certe persone ci sono ostili o che la causa della nostra disgrazia deve essere patologica. La sola cosa che non sappiamo ammettere è che dipendiamo da potenze che sfuggono alla nostra volontà. È per altro vero che negli ultimi tempi l’uomo civilizzato ha acquisito una certa dose di volontà, che può usare come meglio crede. Ha imparato a svolgere il proprio lavoro efficacemente senza ricorre al canto o al tam-tam per ipnotizzarsi. Può anche tralasciare la preghiera quotidiana con la quale implorava l’aiuto di Dio. Può compiere ciò che ha deciso di fare e, almeno apparentemente, tradurre le sue idee in azioni senza ostacoli mentre il primitivo sembra essere bloccato ad ogni passo da paure, superstizioni, ed altri invisibili ostacoli. Volere è potere riassume la superstizione dell’uomo moderno.
Ma l’uomo contemporaneo sostiene questa convinzione al prezzo di una notevole mancanza di introspezione.
Non si accorge che, malgrado il suo raziocinio e la sua efficienza, è sempre posseduto da potenze che sfuggono al suo controllo. I suoi dei e i suoi demoni non sono affatto spariti. Hanno semplicemente cambiato nome. Lo tengono in sospeso con l’inquietudine, con vaghe apprensioni, con complicazioni psicologiche, col bisogno insaziabile di pillole, d’alcool, di tabacco, di nutrimento e soprattutto con una varietà impressionante di nevrosi.

Crediti
 • Carl Gustav Jung •
 • L'homme et ses symboles •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
2383% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
1010% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

 ⋯ Il mercantile
808% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
775% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
767% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ L’esperienza e la verità
737% Carlo SiniFilosofia
Il dibattito sulla oggettività e il cosiddetto pensiero forte del nuovo realismo ha trovato ampio spazio soprattutto sul quotidiano «la Repubblica». Può essere utile partire di qui, perché è vero che gli articoli di giornale non consentono quella articola⋯