Troppa anima!
Come tutti gli esseri senz’anima, non potete sopportare chi ne ha troppa. La gente sana detesta i malati. Chi è felice non può vedere chi soffre. Troppa anima! Che seccatura, no? Allora si preferisce chiamarla malattia: e tutti sono in regola, contenti.

Crediti
 • Albert Camus •
 • Pinterest •   •  •

Similari
André Schmucki ⋯Mi serve la comprensione
45% Marina CvetaevaPercorsi
Caro Petja, sono molto contenta che vi siate ricordato di me. La convinzione umana è uno dei piaceri più profondi e sottili della vita: dai la cosa migliore, l’anima, e prendi la stessa cosa in cambio, e tutto avviene con leggerezza, senza le difficoltà e⋯
Marius MarkowskiL’amore ai tempi dell’Aids
31% Aldo BusiPercorsi
L’amore ai tempi dell’Aids è come l’amore ai tempi del colera: meno ne fai più ti passa la voglia di farlo, più ne fai e più ti viene la voglia di farlo. L’amore ai tempi dell’Aids è l’amore in un tempo qualsiasi: scuse buone per non fare all’amore ce ne ⋯
Igor MorskiLa giurisdizione della medicina
31% Michel de MontaignePercorsi
Nella medicina io onoro, certo, quel nome glorioso, il suo proposito, la sua promessa così utile al genere umano. Ma quello che esso designa fra noi non l’onoro né lo stimo. In primo luogo, l’esperienza me lo fa temere: di fatto, da quel che conosco, non ⋯
 Digital Art Il secolo della paura
25% Albert CamusArticoli
Sono mio padre e mia madre Sono i miei figli e sono il mondo Sono la vita e non sono niente nessuno un pezzetto animato una visita che non è stata che non sarà più avanti. Sto ora non so niente altro come era una volta altre cose che erano come un cielo l⋯
 ⋯ L’amore non basta
22% Massimo BisottiPercorsi
Entrerò nei tuoi pensieri ogni tanto, probabilmente accadrà fino all’ultimo, come tutte le cose impossibili che si legano al vento che soffia nel cuore. Poi mi spegnerai per dedicarti alla tua realtà ma ci ritroveremo ancora in qualche sogno, in qualche f⋯
 ⋯ Era la vertigine
20% Milan KunderaPercorsi
L’ottenebrante, irresistibile desiderio di cadere. La vertigine potremmo anche chiamarla ebbrezza della debolezza. Ci si rende conto della propria debolezza e invece di resisterle, ci si vuole abbandonare a essa.