⋯
Si è venuta a creare una confusione disastrosa tra l’affermazione ragionevole e largamente fondata che una regolamentazione flessibile del mercato sia lo strumento più efficace per la produttività economica e l’accumulazione della ricchezza, e la pretesa delirante secondo cui un mercato completamente deregolamentato sarebbe l’unico mezzo per produrre e distribuire tutto ciò che desideriamo: dai beni durevoli ai valori spirituali, dalla riproduzione del capitale alla giustizia sociale, dalla redditività del presente alla protezione dell’ambiente per il prossimo secolo, da Disneyland alla cultura alta, dal benessere individuale al bene comune. Seguendo tale pretesa, alcuni propugnano il trasferimento al settore privato di settori dall’indiscutibile carattere pubblico, come l’istruzione, la cultura, la piena occupazione, la previdenza sociale e la tutela dell’ambiente. E perché allora non affidare a società commerciali anche la gestione delle esecuzioni capitali? Il governo che viene smantellato in nome dei cittadini è l’unico garante della nostra libertà e dei nostri interessi comuni. Distruggerlo non vuol dire emanciparci, ma piegarci al giogo delle imprese mondiali e del materialismo consumista. Anche politici conservatori americani, come William Bennett e Pat Buchanan, hanno riconosciuto l’evidenza di tale affermazione. I mercati non devono assolvere i compiti che spettano alle comunità democratiche.

Crediti
 • Benjamin Barber •
 • La dittatura dell capitalismo •
 • Pinterest •   •  •

Similari
Il caso Nietzsche
481% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
266% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
249% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Da Zarathustra a Khomeini
159% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯
Vogliate essere liberi, e lo sarete!
157% Michail BakuninPolitica
Cari compagni, vi ho detto la volta scorsa che due grandi avvenimenti storici avevano fondato la potenza della borghesia: la rivoluzione religiosa del sedicesimo secolo, conosciuta col nome di Riforma, e la grande Rivoluzione politica del secolo scorso. Ho⋯