Tutte le possibilità del linguaggio sono presenti

L’invisibile è una cavità nel visibile, nella passività, non produzione pura. Per questo, fare analisi del linguaggio, mostrando sino a che punto esso è spostamento quasi naturale. Non ci sono da cercare delle cose spirituali, ci sono delle strutture del vuoto – Semplicemente, io voglio conficcare questo vuoto nell’Essere visibile, mostrare che esso ne è il rovescio, – in particolare il rovescio del linguaggio. Quando la visione silenziosa cade nella parola e quando, di rimando, la parola, aprendo un campo del nominabile e del dicibile, vi si inscrive al suo posto, secondo la sua verità, in breve, quando essa trasforma le strutture del mondo visibile e si fa sguardo dello spirito, intuitus mentis, tutto ciò si effettua sempre in virtù del medesimo fenomeno fondamentale della reversibilità, che sostiene e la percezione muta e la parola, e che si manifesta tanto con una esistenza quasi carnale dell’idea quanto con una sublimazione della carne. In un certo senso, se si esplicitasse completamente l’architettonica del corpo umano, la sua intelaiatura ontologica, e il modo in cui esso si vede e si ode, si vedrebbe che la struttura del suo mondo muto è tale che tutte le possibilità del linguaggio vi sono già presenti.

Crediti
 • Maurice Merleau-Ponty •
 • Pinterest • Piero Fornasetti  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
117% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso Il piacere del testo analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a leggere fino a farsi del male! Fino⋯

Cosa vuole una donna?
96% Giuseppe AntonelliLinguaggio
Un certo Hegel dice Lacan nel Seminario XVII su Il rovescio della psicoanalisi ha articolato che essa gli viene svelata dal lavoro del servo. Solo che questo discorso di Hegel è un discorso da padrone. E più avanti: La filosofia ha giocato il ruolo di cos⋯

⋯ Tigran Tsitoghdzyan ⋯Il mondo è carne?
95% FrammentiMaurice Merleau-Ponty
Dove porre il limite del corpo e del mondo, giacché il mondo è carne? Il mondo visto non è nel mio corpo e il mio corpo non è nel mondo visibile a titolo ultimo: carne applicata a una carne, il mondo non la circonda e nemmeno è circondato da essa. Parteci⋯

 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
92% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine postmoderno, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e De⋯

⋯ Michelangelo Merisi da Caravaggio,  ⋯Pressione fra due solidi
75% FrammentiMaurice Merleau-Ponty
Abbiamo parlato sommariamente di una reversibilità del vedente e del visibile, del toccante e del toccato. È ora di sottolineare che si tratta di una reversibilità sempre imminente e mai realizzata di fatto. La mia mano sinistra è sempre sul punto di tocc⋯

 ⋯ Il linguaggio parla come essenziale
65% LinguaggioMaurice Blanchot
La parola poetica non si oppone più allora soltanto al linguaggio comune ma anche al linguaggio del pensiero. In questa parola non siamo più rinviati al mondo, né al mondo come rifugio, né al mondo come insieme di scopi. In essa, il mondo arretra e gli sc⋯