Tutto è perduto
E se Eraclito e Parmenide
avessero ragione contemporaneamente
e due mondi esistessero affiancati
uno tranquillo, l’altro folle;
una freccia scocca immemore,
e l’altra indulgente la osserva;
lo stesso flutto si frange e non si frange,
gli animali nascono e muoiono nello stesso istante,
le foglie di betulla giocano con il vento e al contempo
si struggono in una crudele fiamma rugginosa.
La lava uccide e serba, il cuore batte e viene colpito,
c’era la guerra, la guerra non c’era,
gli ebrei sono morti, vivono gli ebrei,
le città bruciarono, le città rimangono,
l’amore avvizzisce, il bacio è eterno,
le ali dello sparviero devono essere brune,
tu sei sempre con me, anche se non ci siamo più,
le navi affondano, la sabbia canta
e le nuvole vagano come veli nuziali sfilacciati.
Tutto è perduto. Tanto incanto.
I colli reggono cauti lunghi stendardi boscosi,
il muschio sale sul campanile di pietra della chiesa
e con labbra minute timidamente loda il Settentrione.
Al crepuscolo i gelsomini brillano come lampade folli
stordite dalla propria luce.
Nel museo davanti a una tela scura si stringono pupille feline. Tutto è finito.
I cavalieri galoppano su cavalli neri,
il tiranno scrive una sgrammaticata condanna a morte.
La giovinezza si dissolve nell’arco di un giorno,
i volti delle fanciulle si fanno medaglioni,
la disperazione volge in estasi e i duri frutti
delle stelle crescono nel cielo come grappoli d’uva
e la bellezza dura, tremula, immota
e Dio c’è e muore, la notte torna a noi sul fare della sera,
e l’alba è brizzolata di rugiada.

Crediti
 • Adam Zagajewskji •
 • Pinterest • Tessa Newbacher  •  •

Similari
Egon Schiele ⋯ La visita al convalescente
37% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
È il 1976 e la Rivoluzione è stata sconfitta ma noi ancora non lo sappiamo. Abbiamo 22, 23 anni. Io e Mario Santiago camminiamo lungo una strada in bianco e nero. Alla fine della strada, in un palazzo che sembra uscito da un film degli anni Cinquanta c’è ⋯
Alastair MagnaldoAlle rive si affacciano gli scogli
32% Mario MeléndezPoesie
Io sono il bambino che gioca con la schiuma dei mari ormai incurabili Lungo questa spiaggia imbandierata di gabbiani stiro le mie braccia come reti lasche mentre le onde pizzicano i miei sogni e sola una lacrima si frange sulle rocce Alle rive si affaccia⋯
 ⋯ I poveri si erano venduti
29% Ascanio CelestiniPoesie
I poveri erano così tanto poveri che presero la loro fame e la misero in bottiglia e se la andarono a vendere. Se la comprarono i ricchi, i ricchi che nella vita avevano mangiato di tutto, dal caviale ripieno all’ossobuco di culo di cane allo spiedo. Però⋯
Elena Cernaraia ⋯ Il velo dei volti
29% Amal al-JuburiPoesie
I volti sono l’interiorità nascosta i sensi, la maschera del non detto. I volti sono francobolli vidimati dal tempo. Uno scandalo che denuda il pensiero e le intenzioni. I volti sono lingue senza alfabeto, lettere che restano sempre chiuse.
Zwei Männer am Meer, Gemälde vonSquallida solitudine
25% NovalisPoesie
Qual mai vivente dotato di sensi non ama, sovra tutte le splendide apparenze dello spazio che intorno gli dilaga, la Luce giocondissima con le sue tinte, i raggi, i flutti; e con la dolce onnipresenza sua, squillante giorno? Come la piú riposta anima dell⋯
Egon Schiele ⋯ Sporco, malvestito
23% PoesieRoberto BolañoSchiele Art
Sul sentiero dei cani la mia anima incontrò il mio cuore. Squassato, ma vivo, sporco, malvestito e pieno d’amore. Sul sentiero dei cani, là dove non vuole andare nessuno. Un sentiero che solo i poeti percorrono quando non gli resta niente da fare. Eppure ⋯