Tutto è perduto
E se Eraclito e Parmenide
avessero ragione contemporaneamente
e due mondi esistessero affiancati
uno tranquillo, l’altro folle;
una freccia scocca immemore,
e l’altra indulgente la osserva;
lo stesso flutto si frange e non si frange,
gli animali nascono e muoiono nello stesso istante,
le foglie di betulla giocano con il vento e al contempo
si struggono in una crudele fiamma rugginosa.
La lava uccide e serba, il cuore batte e viene colpito,
c’era la guerra, la guerra non c’era,
gli ebrei sono morti, vivono gli ebrei,
le città bruciarono, le città rimangono,
l’amore avvizzisce, il bacio è eterno,
le ali dello sparviero devono essere brune,
tu sei sempre con me, anche se non ci siamo più,
le navi affondano, la sabbia canta
e le nuvole vagano come veli nuziali sfilacciati.
Tutto è perduto. Tanto incanto.
I colli reggono cauti lunghi stendardi boscosi,
il muschio sale sul campanile di pietra della chiesa
e con labbra minute timidamente loda il Settentrione.
Al crepuscolo i gelsomini brillano come lampade folli
stordite dalla propria luce.
Nel museo davanti a una tela scura si stringono pupille feline. Tutto è finito.
I cavalieri galoppano su cavalli neri,
il tiranno scrive una sgrammaticata condanna a morte.
La giovinezza si dissolve nell’arco di un giorno,
i volti delle fanciulle si fanno medaglioni,
la disperazione volge in estasi e i duri frutti
delle stelle crescono nel cielo come grappoli d’uva
e la bellezza dura, tremula, immota
e Dio c’è e muore, la notte torna a noi sul fare della sera,
e l’alba è brizzolata di rugiada.

Crediti
 • Adam Zagajewskji •
 • Pinterest • Tessa Newbacher  •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
532% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

Da Zarathustra a KhomeiniDa Zarathustra a Khomeini
474% ArticoliGerhard SchweizerLibri
La storia della Persia iniziò a Battria e prima ancora che un governatore vi regnasse in nome dei re divini, visse a Battria un uomo che sarebbe diventato, più di qualsiasi altro, una figura determinante per la notorietà della cultura persiana in occident⋯

 ⋯ Palestina e Israele
367% ArticoliCarlos Salas
È un paradosso: ebrei e palestinesi provengono dallo stesso tronco e condividono molti profeti ma, la creazione dello Stato di Israele nel 1948 e il trasferimento dei palestinesi nei campi profughi, ha dato luogo ad un conflitto, impossibile da risolvere.⋯

 ⋯ Le origini romantiche della psicoanalisi e l’obiezione di Nietzsche
287% ArticoliPsicologiaUmberto Galimberti
A differenza di tutti i popoli della terra, l’uomo occidentale un giorno ha detto Io. L’ha annunciato Platone e l’ha esplicitato Cartesio. La psicologia ha catturato questa parola e ne ha fatto il centro della soggettività, dispiegando una visione del mon⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
268% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ La scrittura delle donne
229% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯