⋯
Qual è la struttura del ragionamento di Gödel? C’è un’analogia tra la “Critica della ragion pura” e il ragionamento di Kant. Gödel fa un ragionamento molto semplice, ch’è simile tra l’altro a quello che fa Kant, però ancora più semplice; in realtà si rifà, addirittura, ai vecchi paradossi dell’antichità; al paradosso del mentitore, per esempio – scoperto da Eubulide di Mileto, nel IV sec. a. C. – dice semplicemente che è impossibile che qualcuno dica “io mento“, perché la frase “io mento” dev’essere, per forza, o vera o falsa; ma s’è vera, allora quello che sta dicendo dice “io mento” è dunque questa frase è falsa e s’è falsa, allora quello che sta dicendo “io mento” dice una falsità, quindi è vero il contrario dunque la frase è vera. E questo è un paradosso: supporre che la frase sia falsa fa sì che essa sia vera e supporre che sia vera fa sì che essa sia falsa; si entra in un circolo vizioso.
Quello che Gödel fece con una specie di gioco equilibristico, quasi da prestigiatore, di prendere una frase analoga e di tramutarlo non più in un paradosso bensì in un teorema. E la frase di Gödel è: “Io non sono dimostrabile“. Attenzione! non dire: “Io non sono vera“, come diceva Eubulide, bensì “io non sono dimostrabile“; la frase che dice di se stessa di non essere dimostrabile. Ora, questa frase può essere dimostrabile? Oppure no? Supponiamo che sia dimostrabile; supponiamo che sia dimostrabile in uno dei sistemi ovvi che noi vogliamo avere per la matematica, cioè, sistemi in cui si dimostrino solo cose vere. Se questa frase fosse dimostrabile, poiché il sistema dimostra solo cose vere, sarebbe vera. Ma cosa dice questa frase? Dice: “io non sono dimostrabile” e allora non potrebbe essere dimostrabile e quindi l’ipotesi che questa frase sia dimostrabile fa sì che essa sia vera, dunque che non sia dimostrabile, dunque l’ipotesi è sbagliata. Allora, se questa frase, se questa affermazione non è dimostrabile, dice di non essere dimostrabile, dunque è vera. Allora abbiamo trovato che la frase “io non sono dimostrabile” non può essere dimostrabile in un sistema che dimostra solo verità – perché altrimenti sarebbe falsa – e allora non è dimostrabile ma dice di non essere dimostrabile, dunque è vera. Allora, che cosa abbiamo di fronte? Abbiamo un esempio di un’affermazione che è vera e non dimostrabile, dunque un esempio di incompletezza del sistema.
Ora, come mai questo non è vero per la logica? Perché il succo, il nucleo matematico della dimostrazione di Gödel è di far vedere che questa frase che dice di se stessa di non essere dimostrabile, si può trascrivere all’interno della matematica, attraverso un meccanismo che si chiama oggi gödellizzazione – perché prende il nome da lui – un modo per trascrivere queste cose in numeri, quindi attraverso il sistema aritmetico e la si può far diventare una frase del linguaggio aritmetico, dunque della matematica, e quindi questo ragionamento astratto che assomigliava molto appunto ai vecchi paradossi da una parte e ai ragionamenti di Kant dall’altra, diventa un ragionamento matematico; però, per poterlo fare c’è bisogno di avere almeno i numeri nel proprio sistema e questo è il motivo per cui non lo si può fare nella logica, quindi la logica è in qualche modo, difesa – permette di non avere contraddizioni – e questo fa si che Gödel abbia potuto dimostrare nel 1930 il teorema di incompletezza; ma la matematica non appena c’ha un minimo di matematica, non appena c’è un po’ di numeri dentro il sistema, ebbene allora si può riprodurre questo teorema di Gödel e allora ecco che la matematica è incompleta; dunque da una parte – 1930 – la completezza della logica e dall’altra parte – 1931 – l’incompletezza della matematica.

Crediti
 • Piergiorgio Odifreddi •
 • Beautiful Mind •
  • Kurt Gödel •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Introduzione a un’Introduzione
201% MateriePiergiorgio Odifreddi
Questa pagina vuole essere unicamente una «Introduzione a un’Introduzione», e non aspirano a fornire un’esauriente discussione dei vari problemi cui si riferiscono. Ci è sembrato utile esporre certi fatti, in una forma che offrisse difficoltà minime al le⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
93% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine “postmoderno”, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e ⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
91% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
Loui Jover ⋯ Considerazioni su scrittura e libertà
26% ArticoliGianmarco PinciroliLinguaggio
Kafka e Beckett tra narratività e nichilismo Questo lavoro non è e non intende essere un contributo critico in senso stretto rispetto all’opera letteraria e drammatica di Beckett; intende, invece, provare a render conto di un’ipotesi interpretativa, circa ⋯
Pablo Picasso ⋯ Il sistema parla solo il controllore
26% Emil CioranLinguaggio
Le dirò una cosa. Quando uno comincia a scrivere un saggio di quaranta pagine su qualsiasi argomento, parte da alcune affermazioni preliminari e ne rimane prigioniero. Una certa idea della probità lo obbliga ad andare fino in fondo rispettandole, lo obbli⋯
Essere in possesso di una lettera
26% LinguaggioPietro Bianchi
Il celebre Seminario su “La lettera rubata” venne posto all’inizio della raccolta, quasi a mo’ di manifesto. Questo seminario rappresenta infatti una sintesi efficace della teoria dell’inconscio come effetto della presa della catena significante sul sogge⋯