Un niente che non implichi alcun significato
La verità viene dalla lingua già persa o ancora a venire. Viene dalla voce che si cerca dietro la voce. Una lingua inaudita, un giro linguistico irripetibile, un’incisione praticata nella lingua dalla lama di un fuori, fatto al tempo stesso di non-lingua e di lingua a venire. Lo «stile» della verità, o la verità in quanto stile, non deve nulla all’ornamento né allo sfruttamento dei significati disponibili. Non può venire che dal di fuori – tocca e taglia da un di fuori che è propriamente il fuori di ogni significazione, che è così il senso fuori di se stesso.

Per venire dal di fuori bisogna che l’incisione debba qualcosa alla chance e al kairos, il cui favore consiste nell’offrirsi solamente a colui che si espone al di fuori e che, di conseguenza, è giunto al punto di non voler più il suo voler-dire: il favore di un eccesso su ogni «dire» possibile. Ma per disporsi a questo favore, alla sua rarità, è necessario un ritrarsi della lingua. È necessario essere stati condotti al di qua della lingua: là dove il linguaggio stesso sa già che in definitiva non c’è niente da dire, niente che non implichi un nulla di significato, e che grazie a questo nulla tocca la cosa stessa, cioè la cosa fuori e la cosa del fuori.

Crediti
 • Jean-Luc Nancy •
 • Rispondere del senso •
 • Pinterest •   •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
1808% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

 ⋯ Sapere di non essere
1122% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
978% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ Il mercantile
883% IneditiSergio Parilli
Magari è troppo presto, ma i sognatori, hanno sempre lo sguardo perso, sicuramente piacevole nei loro pensieri e sorridono… ma, anche se sono solo due righe con due soli sostantivi, l’emozione è sempre la stessa per il poeta. Siamo nel periodo di un’attra⋯

 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
836% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯

 ⋯ L’esperienza e la verità
737% Carlo SiniFilosofia
Il dibattito sulla oggettività e il cosiddetto pensiero forte del nuovo realismo ha trovato ampio spazio soprattutto sul quotidiano «la Repubblica». Può essere utile partire di qui, perché è vero che gli articoli di giornale non consentono quella articola⋯