⋯
La verità viene dalla lingua già persa o ancora a venire. Viene dalla voce che si cerca dietro la voce. Una lingua inaudita, un giro linguistico irripetibile, un’incisione praticata nella lingua dalla lama di un fuori, fatto al tempo stesso di non-lingua e di lingua a venire. Lo «stile» della verità, o la verità in quanto stile, non deve nulla all’ornamento né allo sfruttamento dei significati disponibili. Non può venire che dal di fuori – tocca e taglia da un di fuori che è propriamente il fuori di ogni significazione, che è così il senso fuori di se stesso.

Per venire dal di fuori bisogna che l’incisione debba qualcosa alla chance e al kairos, il cui favore consiste nell’offrirsi solamente a colui che si espone al di fuori e che, di conseguenza, è giunto al punto di non voler più il suo voler-dire: il favore di un eccesso su ogni «dire» possibile. Ma per disporsi a questo favore, alla sua rarità, è necessario un ritrarsi della lingua. È necessario essere stati condotti al di qua della lingua: là dove il linguaggio stesso sa già che in definitiva non c’è niente da dire, niente che non implichi un nulla di significato, e che grazie a questo nulla tocca la cosa stessa, cioè la cosa fuori e la cosa del fuori.

Crediti
 • Jean-Luc Nancy •
 • Rispondere del senso •
 • Pinterest •   •  •

Similari
⋯  ⋯Sexistenza
111% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
wall-art jazz-trioImprovvisazione sull’improvvisazione
96% ArticoliJean-Luc Nancy
Che rapporto sussiste tra la struttura dell’improvvisazione e la struttura della riflessione filosofica? Si può improvvisare quando si fa filosofia? Il testo di Jean-Luc Nancy, inedito, è una sua “improvised lecture on improvisation” tenuta nel 2014 press⋯
Egon Schiele ⋯ SunflowerL’essenza del testo
92% ArticoliElena CarusoLinguaggioSchiele Art
Barthes attraverso “Il piacere del testo” analizza le ragioni che spingono il lettore ad avvicinarsi ad un testo con un atteggiamento cannibalesco, quasi ne volesse divorare il tessuto, l’essenza. Cosa spinge il lettore a “leggere fino a farsi del male! F⋯
 ⋯ Non vi è nulla al di fuori del testo
76% ArticoliDarin McNabbLinguaggio
Già si è detto tutto, ma siccome viviamo dimenticando, bisogna continuare a ripeterlo. La ripetizione non è innocente: produce nuovi effetti. Se si pensa al termine “postmoderno”, vengono rapidamente in mente persone come Nietzsche, Heidegger, Foucault e ⋯
 ⋯ Eloquenti righe: Derrida e l’arte
50% ArticoliJean-Luc Nancy
Certo che Derrida ha parlato dell’arte, delle arti – come avrebbe potuto non farlo, come non avrebbe dovuto farlo, dato che una questione e assai più di una questione, un’istanza esigente reclama, sotto il nome di «arte», un considerevole tributo all’intr⋯
Cosa vuole una donna?
50% Giuseppe AntonelliLinguaggio
“Un certo Hegel” dice Lacan nel Seminario XVII su Il rovescio della psicoanalisi “ha articolato che essa gli viene svelata dal lavoro del servo. Solo che questo discorso di Hegel è un discorso da padrone”. E più avanti: “La filosofia ha giocato il ruolo d⋯