Una nuova verità, un nuovo sistema nasce
Nella vita di alcuni uomini vi sono momenti in cui sentono vacillare tutte le loro certezze, venir meno tutte le loro luci, tacere le voci delle passioni e degli affetti e di quanto altro anima e muove la loro esistenza. Ricondotto al proprio centro, l’individuo avverte allora a nudo il problema di ogni problema: chi sono io? Sorge allora, quasi sempre, anche l’evidenza che tutto ciò che si fa non solo nella vita ordinaria, ma altresì nella regione dei valori considerati superiori, in fondo serve solo per distrarsi, per crearsi la parvenza di uno scopo e di una ragione, per avere qualcosa che permetta di non pensare e di continuare a vivere. Utilità quotidiane, morali, fedi, filosofie, ebbrezze dei sensi e discipline appaiono create o cercate dagli uomini per velare a sé stessi l’oscurità centrale, per sottrarsi all’angoscia della grande, fondamentale solitudine, per eludere il problema dell’Io. In alcuni casi una crisi del genere può avere un esito letale. In altri, si reagisce, ci si scuote. L’impulso di una forza animale che non vuole morire si riafferma, inibisce ciò che è balenato attraverso esperienze siffatte, fa credere che si tratti solo di un incubo, di un momento di febbre della mente e di squilibrio nervoso. E ci si va a creare qualche nuovo accomodamento, per tornare alla “realtà“. Vi è poi chi scarta. Il problema esistenziale che ha sentito, per lui impotente ad assumerlo per intero, diviene problema filosofico. E il gioco ricomincia. Una nuova verità, un nuovo sistema nasce, si finge luce nell’oscurità e va a fornire nuova esca alla volontà di continuare. Ovvero un’altra soluzione equivalente: il passivo rimettersi a strutture tradizionalistiche, a forme dogmatiche e stereotipe di autorità. Altri, però, tengono fermo. Qualcosa di nuovo e di irrevocabile si è determinato nella loro vita, il circolo si è chiuso intorno a loro, intendono spezzarlo. Essi si staccano dalle fedi, dalle speranze. Vogliono dissipare la nebbia, aprirsi una via. Conoscenza di sé ed in sé dell’Essere – ciò essi cercano. Ed un tornare indietro per loro non c’è.

Crediti
 • Julius Evola •
 • Pinterest • Mauro Colombo  •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
766% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯

Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
342% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯

 ⋯ La violenza nella storia
185% ArticoliFilosofiaGérard Wormser
Queste genti si percoteano a vicenda non solo con le mani, ma con la testa, col petto, e coi piedi, troncandosi reciprocamente coi denti le membra a brano a brano. • Dante Alighieri • La violenza si presenta come una relazione e non come un oggetto, una c⋯

 ⋯ Che cos’è l’uomo
183% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯

 ⋯ Arricchire la visione del mondo
179% Adolfo Vásquez RoccaArticoliFilosofia
Negli studi di Derrida e di Ricoeur intorno alla metafora e all’interpretazione, appena si cita Nietzsche, tutto quanto si pensa, si pensa partendo da lui. L’influenza che il pensiero di questo filosofo ha prodotto nella mentalità dell’Occidente è così gr⋯

 ⋯ Perché le cose hanno contorni?
162% ArticoliFilosofiaMaria RocchiRoberto Bertilaccio
Materiali per una riflessione sul contesto in Gregory Bateson P: C’era una volta un artista molto arrabbiato che scribacchiava cose di ogni genere, e dopo la sua morte guardarono nei suoi quaderni e videro che in un posto aveva scritto: ‘I savi vedono i c⋯