Christofer David White
Il giusto modo di leggere oggi, è quello di porsi di fronte a un libro così come si ascolta un disco, come si guarda un film, come si sente una canzone: ogni atteggiamento di fronte a un libro che richieda per esso un rispetto speciale, un’attenzione di altra sorta, è qualcosa che giunge da un’altra epoca e che condanna definitivamente il libro.

Crediti
 Gilles Deleuze
 Pinterest • Christofer David White  • 




Quotes per Gilles Deleuze

Nello spazio neo-gotico dei film dell'orrore, Terence Fisher porta all'estremo quest'autonomia dell'immagine-affezione allorché fa perire Dracula inchiodato al suolo, ma in congiunzione virtuale con le pale di un mulino in fiamme che proiettano l'ombra di una croce proprio sul luogo del supplizio (Le spose di Dracula).

Leggere un testo infatti non è mai un esercizio erudito alla ricerca dei significati, ancor meno un esercizio altamente testuale in cerca di un significante, ma un uso produttivo della macchina letteraria, un montaggio di macchine desideranti, esercizio schizoide che libera del testo la sua potenza rivoluzionaria.  L'Anti-Edipo

Artaud presenta questo corpo senza organi che Dio ci ha rubato per far passare il corpo organizzato senza il quale non si potrebbe esercitare il suo giudizio. Il corpo senza organi è un corpo affettivo, intensivo, anarchico, che comporta solo poli, zone, soglie e gradienti. Una potente vitalità non organica lo attraversa. Farsi un corpo senza organi, trovare un corpo senza organi è la maniera di sfuggire al giudizio.

È questo che mi sembra interessante nelle vite, i buchi che comportano, le lacune, talvolta drammatiche, talvolta no. Le catalessi o quelle specie di sonnambulismo di più anni, che la maggior parte delle vite possiedono. Forse è in questi buchi che avviene il movimento. La questione infatti è proprio quella di come produrre il movimento, come forare il muro.  Pourparlers

Non ci manca certo la comunicazione, anzi ne abbiamo troppa; ci manca la creazione. «Ci manca la resistenza al presente».