Uno nasce per cantare
Non ci si può improvvisare cantante: non basta seguire un metodo. [Ci vuole l’istinto…]. È un dono ben più raro della voce, di voci bellissime ne esistono molte, ma quante sono accompagnate dall’istinto? […] Nel suo copialettere Verdi dice: «Vorrei il cantante con larga conoscenza della musica, con dizione chiara e perfetta senza le affettazioni di un maestro di canto. Provvisto di istinto e che di quest’istinto si serva per darmi il personaggio». In occasione della prima di Macbeth aggiungeva, a proposito dei cantanti: «Vorrei che servissero più il poeta che il compositore».

Crediti
 Giuseppe Di Stefano
 Le interviste di Musica
  Musica n. 20, marzo 1981
 SchieleArt •   •