⋯ Josephine Sacabo ⋯
È vero che una persona può giocare molti ruoli, e soggettivamente, essere convinta che egli è “lui” in ogni ruolo. In realtà, spesso, egli è, in tutti questi ruoli, ciò che crede di dover essere, per gli altri; l’originale self, è completamente soffocato, da uno pseudo auto. Egli pensa, sente, e vuole, quello che crede, dovrebbe pensare, sentire, e questo sarà; in tale processo, molto perde del suo sé, su cui dovrebbe essere costruita tutta la sicurezza di un individuo, libero, genuino. La perdita di sé, aumenta solo la necessità di conformarsi, che si traduce in un profondo dubbio sulla propria identità. Se non sono nulla, ma credo che dovrei, per essere – chi sono “Io”?

Crediti
 • Erich Fromm •
 • Pinterest • Josephine Sacabo  •  •

Similari
⋯  ⋯Tirannia, Democrazia e Anarchia
61% FrammentiMaksim Gorkij
La Terra è il teatro di una lotta tra il Nero e il Rosso. La forza del Nero è la sua sete insaziabile di regnare sugli uomini. Crudele, avido e cattivo egli ha disteso sul mondo le sue ali pesanti e avviluppato tutto il globo nell’ombra gelida del suo ter⋯
⋯  ⋯Sexistenza
53% Anna Maria TocchettoFrammentiJean-Luc Nancy
Esiste l’amore in tutta la sterminata estensione del termine, l’amore senza confini, l’amore per l’umanità, il mondo, la musica, il mare o la montagna, la poesia o la filosofia, che è essa stessa amore della sapienza. Non è così? Quest’ultima, a sua volta⋯
 ⋯ L’inconsolabile
48% Cesare PaveseFrammentiTeatro
ORFEO: È andata così. Salivamo il sentiero tra il bosco delle ombre. Erano già lontani Cocito, lo Stige, la barca, i lamenti. S’intravvedeva sulle foglie il barlume del cielo. Mi sentivo alle spalle il frusciò del suo passo. Ma io ero ancora laggiù e avev⋯
 ⋯ Leviamoci questo pensiero
45% FrammentiLuigi Pirandello
Lo credevano senza cuore, perché egli non piangeva. Ma dimostrava forse il pianto la intensità del dolore? Dimostrava la debolezza di chi soffre. Chi piange vuol far conoscere che soffre, o vuole intenerire, o chiede conforto e commiserazione. Egli non pi⋯
  ⋯ La morte non è ciò che pare essere
31% FrammentiUmberto Curi
La morte, per alcune filosofie, non comporta nessun pericolo di un reale annientamento, ma è semplicemente un passaggio, carico più di promesse che di rinunce. La contrapposizione dell’«aldilà» all’«aldiquà», di una realtà in cui la vita continua a una re⋯
 ⋯Ogni guadagno è una perdita
29% Emil CioranFrammenti
Tutto è possibile e niente lo è; tutto è permesso e niente. Qualsiasi direzione s’imbocchi non sarà migliore di un’altra. Realizzare qualcosa o niente, credere o no, è lo stesso, come lo è tacere o gridare. Si può trovare una giustificazione a ogni cosa, ⋯