Alain Louiset ⋯

Un amico che non ti apre gli occhi sulle sabbie mobile dell’equilibrio raggiunto grazie ai tanti rami morti da cui penzoli come un imminente impiccato aggrappato con tutte le forze dei tuoi pugni al nodo scorsoio per trattenerne lo strappo finale che amico è? Un amico che in dono non ti porta l’accetta per tagliare quei rami morti e la crisi cui hai diritto per sanare il tuo male che amico è?

Intanto è chiaro il suo ultimo intento: ti sta pregando di prendere l’accetta e fare altrettanto con lui, di toglierlo dal ridicolo del suo specchio compiacente e deformante, di dargli gli occhi per vedersi come da solo non potrà mai. Vuole l’unico sentimento che può competere con l’amore carnale: l’amore intellettuale, amore che non ammette sconti, rimozioni, infingimenti. L’amicizia è un incontro a armi pari e è stucchevole rispondere con un abbraccio a uno scontro aperto, e per un amico si combatte all’ultimo sangue: innanzitutto contro di lui.

Alain Louiset ⋯

Con gli umani, a differenza dei cereali, a forza di separare il chicco dalla pula non ti resta neanche la pula, ti resta te, e a quel punto non puoi neanche etichettarti da solo in quale dei due mucchi sei finito. Io sarò anche selettivo al limite della misantropia, non concedo familiarità impostemi e di certo non aiuta il mio acceso, fermo, gridato e indignato anticleralismo equamente ripartito tra tutte le sette religiose grandi e piccole del mondo, cui sfugge forse un individuo su un milione senza andare a cadere in un altro credo che ti fa dire chi amare e chi odiare, ma come è stato possibile, nell’evoluzione della specie, che l’ipocrisia, e non la schiettezza ovvero il talento per la fattualità di separare ciò che è da ciò che non è senza farne un dramma, diventasse il mastice di ogni relazione sociale vuoi nel gruppo vuoi tra due cittadini? Perché una persona leale e onesta e ospitale e sgobbona e incorrotta e incorruttibile e buona dove conta l’esserlo è o da sola o momentaneamente in pena per difetto di ipocrisia ovvero per compiacente ipocrisia agli sgoccioli?

Alain Louiset ⋯

Che spreco ho dovuto fare di me in un modo o nell’altro! Se rivado con la memoria agli ultimi dieci amici-fantoccio lasciati perdere… D., G., I., Q., R., Y., Z., mezzo alfabeto, insomma… constato che li ho retti finché ho retto l’ipocrisia in cui volevano tirarmi dentro per assimilarmi a loro, il loro clan, le loro velleità, i narcisismi, le millanterie, gli stereotipi ideologici, la pseudocultura, la verbosità delle loro buone intenzioni vuote di fatti, la tracotanza, l’ottusità, la furbizia, l’elasticità etica con cui gestivano le loro piccole o grosse postazioni sociali e economiche.

Alain Louiset ⋯ E comunque io non credo all’amicizia tra chi ha letto le tremila opere fondamentali da duemilacinquecento anni a oggi e chi si è fermato all’abbecedario, non perché l’uno sia più colto e l’altro più ignorante: il primo dimostra di sapersene restare da solo anche per le prossime diecimila ore senza fare danni all’umanità, il secondo si sentirà trascurato e può solo disturbare per richiamare la tua attenzione quando non è roba sua; per non dire dello scoramento politico che mi causa dopo un po’ la gente che non ha letto niente o ha letto male…o che anteporrebbe Stephen King a Edgar Allan Poe, se sapesse chi è, e una Parodi a una delle sorelle Brontë, sempre sia stato informato che Cime Tempestose non è una ricetta di cime di rapa alla puttanesca che più piccante non si può… be’, tutta questa marmaglia di sfoglia tori di canovacci culinari e sessisti chiamati noir mi annoia a morte e la noia, se è tollerabile e anzi è la ciliegina sulla torta in un amore carnale che diventa man mano amore per la solita minestra, in uno intellettuale porta alla separazione irreversibile perché l’intelletto dovrebbe saper allestire pietanze variegate e sempre sorprendenti e lasciare la solita minestra a chi sta assieme non certo illuminato dalla luce della ragione ma dalla pila a batterie delle convenzioni, della convenienza, dell’attrazione sessuale nel suo veloce e inammissibile esaurimento – dovrei aprire una parentesi su coloro che dopo anni che ci si vede credono di sapere molto di me e non hanno mai aperto una mia opera, sono i più saccenti e noiosi di tutti e alla fine, per nascondere il sottile disprezzo che mi causano, smetto di vederli del tutto senza spiegazioni prima che il disprezzo, sempre più spesso, si trasformi in una nausea irrefrenabile: liberi di non leggermi loro, libero di disfarmene io.

Crediti
 • Aldo Busi •
 • Pinterest • Alain Louiset Vacche amiche • (autobiografia non autorizzata) •

Similari
Il caso Nietzsche
416% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
269% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
229% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Sapere di non essere
228% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯
La scrittura delle donne
221% ArticoliCixous HélèneSocietà
Héléne Cixous rilegge il saggio di Freud sulla Testa di Medusa per rivendicare il potere dell’écriture feminine, della scrittura femminile. Da terrificante e mostruosa, Medusa si trasforma in una figura sorridente e sovversiva in grado di destabilizzare l⋯