Realismo e idealismo, copertina di Elaine Lustig e Scott Lindberg
La più grande differenza tra il realista e l’idealista è che l’idealista pensa e che il realista conosce. Per il realista, pensare è soltanto ordinare delle conoscenze o riflettere sul loro contenuto; giammai avrebbe l’idea di fare del pensiero il punto di partenza della sua riflessione, perché nessun pensiero è per lui possibile se non vi siano dapprima delle conoscenze. Ora l’idealista, per il fatto che va dal pensiero alle cose, non può sapere se ciò da cui parte corrisponde o no a un oggetto; quando domanda al realista come raggiungere l’oggetto partendo dal pensiero, quest’ultimo dovrà rispondere che non si può, e che quella è la ragione essenziale per non essere idealista; perché il realismo parte dalla conoscenza, cioè a dire da un atto dell’intelletto che essenzialmente consiste nello scegliere un oggetto.

Il problema del giudizio di esistenza si riduce a descrivere l’atto complesso per il quale l’uomo apprende l’esistenza che il suo intelletto concepisce, ma non percepisce, e che la sua sensibilità percepisce, ma non concepisce.

Crediti
 • Étienne Gilson •
 • Realismo e idealismo •
 • Pinterest •  Realismo e idealismo, copertina di Elaine Lustig e Scott Lindberg •  •

Similari
Il caso Nietzsche
766% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
Atto dell’intelletto
409% Étienne GilsonSocietà
La più grande differenza tra il realista e l’idealista è che l’idealista pensa e che il realista conosce. Per il realista, pensare è soltanto ordinare delle conoscenze o riflettere sul loro contenuto; giammai avrebbe l’idea di fare del pensiero il punto d⋯
Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
255% ArticoliPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Un nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
240% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
Sapere di non essere
210% IneditiSergio Parilli
Ho rivisto finalmente a Julián. Veniva da altri mondi non sconosciuti per lui, visto che è riuscito a tornare senza bussola. Non era tenuto a tornare, anche perché se stava bene dove era arrivato poteva restarci in eterno, visto che era previsto un viaggi⋯