copertina di Elaine Lustig e Scott Lindberg
La più grande differenza tra il realista e l’idealista è che l’idealista pensa e che il realista conosce. Per il realista, pensare è soltanto ordinare delle conoscenze o riflettere sul loro contenuto; giammai avrebbe l’idea di fare del pensiero il punto di partenza della sua riflessione, perché nessun pensiero è per lui possibile se non vi siano dapprima delle conoscenze. Ora l’idealista, per il fatto che va dal pensiero alle cose, non può sapere se ciò da cui parte corrisponde o no a un oggetto; quando domanda al realista come raggiungere l’oggetto partendo dal pensiero, quest’ultimo dovrà rispondere che non si può, e che quella è la ragione essenziale per non essere idealista; perché il realismo parte dalla conoscenza, cioè a dire da un atto dell’intelletto che essenzialmente consiste nello scegliere un oggetto.

Il problema del giudizio di esistenza si riduce a descrivere l’atto complesso per il quale l’uomo apprende l’esistenza che il suo intelletto concepisce, ma non percepisce, e che la sua sensibilità percepisce, ma non concepisce.

Crediti
 • Étienne Gilson •
 • Realismo e idealismo •
 • Pinterest •  Realismo e idealismo, copertina di Elaine Lustig e Scott Lindberg •  •

Similari
 ⋯ Il caso Nietzsche
544% ArticoliFilosofiaGianni Vattimo
Nietzsche, accompagnato dalla sua cattiva reputazione di pensatore dei nazisti, fu poi riconsiderato, agli inizi degli anni ’60 del ventesimo secolo, da quel movimento che prese il nome: Nietzsche-Renaissance o il rinascimento nietzscheano, e soprattutto ⋯
⋯ Niklaus Manuel ⋯Il termine “pensiero”
184% Étienne GilsonFilosofia
Occorre poi usare con cautela il termine pensiero. In effetti, la differenza più grande tra il realista e l’idealista e che l’idealista pensa, mentre il realista conosce. Per il realista pensare vuol dire solamente organizzare delle conoscenze o rifletter⋯
 ⋯ Dall’autorganizzazione alla comunizzazione
184% ArticoliAutori VariPolitica
Designare la rivoluzione come comunizzazione è dire questa cosa abbastanza banale, che l’abolizione del capitale è l’abolizione di tutte le classi, compreso il proletariato, e non la sua liberazione, il suo ergersi a classe dominante che organizza la soci⋯
Friedrich NietzscheUn nuovo chiarimento della questione “Nietzsche e Stirner”
178% ArticoliBernd A. LaskaFilosofia
Da giovane ho incontrato una pericolosa divinità e non vorrei raccontare a nessuno ciò che allora ho provato — tanto di buono quanto di cattivo. Così ho imparato a tacere, come pure che bisogna imparare a parlare, per ben tacere, che un uomo che vuole te⋯
 ⋯ Che cos’è l’uomo
101% ArticoliFilosofiaJózef Maria Bocheński
Rifletteremo ora sull’uomo. A suo riguardo i problemi filosofici sono così numerosi, che ora non è possibile nominarli tutti. La nostra meditazione si riferirà perciò necessariamente solo ad alcuni di essi. Prima di tutto, con i grandi pensatori del passa⋯
 ⋯ Jacob Sutton ⋯ L’identità pensiero-essere
99% FilosofiaGiovanni Romano Bacchin
Che pensare ed essere sono uno non può voler dire che l’essere viene pensato come uno con il pensiero, ma appunto in qualche modo viene “pensato”, ma che viene pensata nell’essere (=nel pensiero) questa loro identità, la quale in tanto è pensata in quanto⋯